Ho’oponopono e l’arte del non preoccuparsi

Con Manuel ci sentiamo spesso, via messaggio o con lunghe telefonate ed è così che abbiamo imparato negli anni a conoscerci e ad avere stima reciproca. La sua profondità e la sua purezza, pur essendo solo poco più che 20enne, possono essere d’ispirazione anche per noi adulti.

Per raccontare una sua recente esperienza particolarmente delicata, e per testimoniare una volta di più la sua fede nella ricerca e nella propria costante pratica di Ho’oponopono, ha voluto scrivere e inviarmi questo articolo che sono lieta di pubblicare.

Hew Len 55

 

Pensare è veramente un problema!
Dr. Ihaleakala Hel Len

 

Questa è una frase che lui spesso ama dire… perchè ritiene l’interferenza dell’ego come uno dei più grandi problemi dell’umanità.
Ma è quello che ci riesce meglio, pensare e preoccuparci, e credere sempre con presunzione di saperla più lunga di Dio.

Non scrivo da molto, ho cancellato il mio blog e ho passato un periodo di grande formazione personale.
Non è stato semplice, nè indolore.

Oggi so il perchè di tutto questo percorso. O meglio credo di iniziare a comprendere il perchè.

Pratico Ho’oponopono dal gennaio del 2011, all’epoca c’era solo Zero Limits sul tema. Molti potranno ricordare come qualche anno fa era meno semplice informarsi sulla tematica.

Nel frattempo tante cose si sono evolute e Ho’oponopono è stato studiato e approfondito… ahimè (e posso dirvelo in quanto ho frequentato il Sith come staff e studente, due volte l’anno scorso, e ripeterò il seminario quest’anno altre due volte se non di più, di cui uno come staff) si è creata molta disinformazione.
Tanto da perdere e far passare in secondo piano, uno dei concetti più grandi di questa pratica: “il fidarsi di Dio.”

Non voglio stare a scrivere tutta la rava e la fava… arrivo al lato pratico. Penso che le derivazioni di pensiero saranno una causa dovute alla lettura di questa esperienza, la mia.

Mi Auguro che la mia amata Madre adottiva Silvia possa ricevere da voi al più presto le più grandi testimonianze di come Ho’oponopono abbinato al grande fidarsi, possa veramente fare i miracoli.

Questa è un esperienza accaduta a me. Questo accade quando ci fidiamo delle indicazioni che la divinità ci porta. Questo accade quando pratichiamo Ho’oponopono per ritornare a Zero, a Dio, o come direbbe Morrnah: “A ritmo con la Divinità.”

cardigan Morrnah-juli-1991

Questa mattina avevo una biopsia, in un punto abbastanza delicato, praticamente a 3 cm dall’ano. Ma lasciate che io faccia un passo indietro. Due anni fa, poco prima di trasferirmi a Roma, fu un momento molto difficile, ero finalmente alle soglie di una relazione la cui chiusura e la parola fine era stata troppo a lungo rimandata.

Mia nonna, una persona per me fondamentale, era morta da qualche giorno, e le mie due migliori amiche mi avevano messo da parte. Ero solo, e in quel preciso istante mi arrivò la proposta di trasferirmi a Roma. Era il mio sogno, ma richiedeva grande coraggio. Un coraggio che pensavo di non avere. Come sempre scrissi a Silvia, che con il suo profondo amore mi incoraggiò a scegliere sempre e comunque la libertà come casa base.

Presi la mia scelta, nel pieno del dolore e giurai a me stesso che avrei ricominciato la mia vita, e non avrei mai più voluto soffrire cosi tanto per un ragazzo. Bene di lì a pochi giorni notai sotto la doccia, una strana sporgenza crescermi vicino l’ano (scusate se sono così esplicito ma non posso fare altrimenti). Pensai fosse un semplice pelo incarnito e lasciai andare… perchè ero troppo preso dal cambiamento che la mia vita stava prendendo. Mi trasferii a Roma, era il 9 settembre del 2013.

Con il tempo sono riuscito a ricreare la mia vita, e di quanto sia stato perfetto questo trasferimento lo racconterò in un altro momento.

Quindi tutto ha preso un’evoluzione, eccetto la mia vita sentimentale… Quel pezzettino di carne continuava a crescere, a tal punto da sentirsi e vedersi chiaramente, tanto da crearmi un serio imbarazzo nei confronti degli uomini, che mi sono reso conto di aver allontanato volontariamente a livello inconscio.

L’ho compreso lavorando con la mia bambina interiore, che era li al buio, dimenticata e ferita. Insieme e lei c’era il mio problema che non avevo il coraggio di affrontare. Per me era un semplice ciccetto di carne, che avrei tenuto lì… sperando che sparisse da solo o di imparare a conviverci prima o poi.

Ma alla fine sono andato a prendere quella bambina, Keola, e piano piano mi sono nuovamente preso cura di lei, e a sua volta lei si è presa cura di me. Pratica dopo pratica, e cura dopo cura, i miei sogni hanno cominciato a realizzarsi.

Un inciso che ritengo importante: molte persone si sono impegnate nel diffamare e sputtanare il Seminario del Sith, senza essersi nemmeno mai avvicinate a tale esperienza, e ci tengo a precisare una cosa: gira voce che il materiale che riceviamo durante il corso sia stato manomesso e modificato. Invece mi dispiace molto smontare questa favoletta perchè sono in possesso del manuale originale che davano Morrnah e Hew Len, ed è identico, persino nelle virgole.

Mentre ahimè il materiale incorretto è quello che viene divulgato in rete da varie persone “AUTODEFINITESI ESPERTI” che non solo mancano di pezzi fondamentali, ma addirittura espongono procedimenti SBAGLIATI E ASSOLUTAMENTE INUTILI, che non solo vanno a creare grandi e ulteriori domande alle persone, ma interferiscono in modo errato nella vita di chi lo riceve. Creando così danni karmici a chi, senza autorizzazione nè formazione, divulga senza consenso materiale protetto, risultato di anni di lavoro. Un po’ come se domani una vostra tecnica, creata affinata e collaudata da voi, venga successivamente divulgata in modo modificato ed errato senza per di più il vostro consenso. E mi prendo il 100% di responsabilità per quello che sto dicendo. Ma va bene così anche di questo forse, se sarò ispirato ne parlerò più in là.

A novembre sono arrivato a Villa Bartolomea per frequentare come studente ripetente il Sith Basic 1 per la seconda volta. E grazie all’Amore con il quale Nello Ceccon ci ha guidato per due giorni io sono ritornato a Roma come una persona nuova, guarito profondamente da un grande problema che era sorto da qualche tempo, poichè in quel periodo ero nel primo stadio dell’anoressia, che al termine di quel fine settimana, a contatto con un uomo che per me è immenso, svanì nel nulla. Come se non fosse mai esistito (questo sarà un altro argomento che mi piacerebbe approfondire).

Tornando all’oggi: piano piano ritrovando me e pulendo costantemente con la mia bambina interiore, la mia vita ha preso una piega diversa, fino ad arrivare a due settimane fa quando mi sveglio da un incubo. Quella notte sogno di venire operato a quella sporgenza di carne che tanto rifiutavo, e strappandomi via la radice mi portano via tutti i miei organi interni.
Al risveglio entro subito in contatto con Keola e chiedo il perchè di quel sogno, e che messaggio c’era dietro quell’apparente ragade che aveva bloccato la mia vita sentimentale.

Facendo un profondo lavoro ricordai quando in Calabria giurai a me stesso di non permettere più a nessuno di avvicinarsi cosi tanto a me, da farmi sentire ferito esattamente come mi sentivo in quel momento della mia vita. E trovai la risposta al perchè a distanza di anni continuavo a sognare il mio ex, tanto frequentemente come se un pezzo di lui fosse ancora con me. In quel preciso istante si accende la lampadina, e dico a me stesso: “Beh Manuel, quale miglior modo potevi trovare per evitare di soffrire, se non creandoti una malattia che potesse tenere i ragazzi lontani da te?”

Decido quindi di prendere in mano la situazione, continuando di sottofondo a pulire, pulire e pulire.

Due giorni dopo metà delle persone che mi chiamano frequentemente per ricevere una lettura angelica o di tarocchi, si mobilitano per informarsi su dove potevo andare per accertare cosa potesse essere.

Io speravo, visto il momento economico un po’ particolare, di riuscire a trovare un modo gratuito o a basso prezzo per visitarmi e operarmi, il che non era semplice, in quanto non avendo ancora la residenza e il medico di base qui dove vivo, mi sarei dovuto inevitabilmente affidare ad una visita privata che ora non potevo permettermi.

Ma ho guardato al cielo e ho detto: “DIO PENSACI TU, IO NON SO NÉ DOVE TROVARE I SOLDI, NÉ DOVE ANDARE, FACCIO LA MIA PARTE, PULISCO E AFFIDO A TE OGNI COSA.”

Mollo la presa e smetto di preoccuparmi. Sarebbe arrivata la soluzione, a patto che smettessi di cercarla.
Cosi nemmeno un’ora dopo, la compagna di mio padre mi mette in contatto con una sua amica, che lavora in un ambulatorio.
Questa sua amica mi mette subito in lista per la visita. Ora voi sapete che i tempi ospedalieri pubblici delle liste non sono dei più brevi, ma io imperterrito ho detto nuovamente: “GRAZIE DIO, GRAZIE PER QUESTA OPPORTUNITA’, NON MI PREOCCUPO DEI TEMPI, DEL COSTO, AFFIDO TUTTO A TE.”

Due giorni dopo vengo chiamato dall’ospedale, per fare la visita questa mattina.
Da notare che oggi avevo anche la visita medica per la palestra, che è stata miracolosamente spostata di sera.

Così, pronto a fare questo controllo, subentra un’altra preoccupazione, come pagherò la visita mattutina e il certificato medico della palestra la sera, senza aver a disposizione immediata lo stipendio?

Ma non ho dato modo all’ego di cominciare a interferire e sono andato giù di pulizia e ho detto nuovamente: “DIO NON SO COME TROVARE I SOLDI, NE’ COME POTERMI PAGARE IL TUTTO, SE QUESTO É IL MEGLIO PER ME, AIUTAMI NEL MODO MIGLIORE, IO NON VOGLIO PREOCCUPARMI, FAI TUTTO TU.”

Avrei potuto chiedere un prestito ad un amica, ma non l’ho fatto.
Avrei potuto chiedere un anticipo sul lavoro (e crearmi un problema dopo) ma non l’ho fatto.

Qualcosa dentro di me mi diceva fidati.
Ed ecco che quel fidati prende il suo senso.
Mi chiamano 3 persone chiedendomi se fossi disponibile per un consulto, ed io ovviamente dico sì.
Faccio questi consulti, ma non vengo pagato subito.

Questa mattina scelgo di andare comunque a fare la visita, pur sapendo di non poter pagare nulla, ma mi fidavo. Continuavo a ripetere grazie ti amo, a ruota.

Arrivato in ospedale mi rendo conto di aver lasciato il portafoglio a casa, ( e dentro avevo qualcosina che poteva servirmi quanto meno per un acconto) ma oramai ero lì.

Mi siedo in attesa di entrare e pulisco tutto…mentre pulivo potevo percepire le energie presenti nella sala d’attesa, che si muovevano e andavano verso la luce, in un certo momento ho proprio sentito qualcosa che diceva: “ahhhhhh la luce”. Ero talmente preso da questa scena quasi scoppiavo in lacrime mentre vengo chiamato per fare la visita. Fortunatamente il mio problema è un piccolo polipetto, (non a caso il polipo vero ha delle ventose con le quali si incolla, esattamente come io che sono rimasto incollato al mio passato per molto tempo) che con una semplice operazione verrà tolto, senza danni nè traumi.

Mi viene detto di pagare il ticket al piano superiore, ma io ribadisco che involontariamente avevo lasciato il portafoglio a casa, il medico mi sorride mi dice di non preoccuparmi, e che avrei potuto saldare il tutto lunedì.
Torno a casa, sperando di aver ricevuto i soldi che mi servivano ma ancora nulla, ed ero pronto a chiamare la palestra e avvisare che non avrei potuto effettuare la visita. Ma qualcosa mi dice di non farlo, di continuare a fidarmi. Mi fido, ribadisco a Dio che non mi preoccupo e che volevo fidarmi.

E pulisco pulisco, pulisco, MA NON PER RICEVERE DEL DENARO, SEMPLICEMENTE PER FLUIRE IN PACE CON L’EVOLUZIONE DELLE COSE INDIPENDENTEMENTE DA QUELLO CHE SAREBBE SUCCESSO.

Un’ora prima della visita, mi accreditano sul conto 85 euro, che sono esattamente quelli che mi servivano per pagare il ticket, pagare il certificato della palestra e arrivare a fine settimana in modo tranquillo e sereno.

Questo è quello che succede quando ci mettiamo a pulire fidandoci.
Io non faccio Ho’oponopono perchè le cose vadano come voglio io. Io non ho aspettative, al contrario io faccio pulizia proprio perchè non sono consapevole di come possono andare le cose, e di cosa Dio abbia in serbo per me.
Io pulisco perchè voglio fare la mia parte e fidarmi. Fidarmi che qualcosa di Divino farà ciò che è più giusto, mettendomi nel posto giusto, se già non lo sono.

Chi lo sa? Chi può sapere perchè?
Solo Dio.

Non siamo mai soli, oggi più che mai lo so.
Provate, fidatevi, rimettete tutto alla luce, e la luce non verrà mai meno.

Nessuna aspettativa, solo la pace.
SOLO PER OGGI, COSI SIA.

Pace dell’Io.
Sempre e per sempre.
“Keola” Manuel Andrea Lucchini

Un piccolo messaggero.

KEOLA MANUEL ANDREA LUCCHINI

Ti amo ma solo per oggi

Quello che ognuno di noi cerca ogni volta che si relaziona – in qualsiasi tipo di relazione – è amore, e dentro questa definizione, che ci piacerebbe sempre senza condizioni, ci stanno tante belle cose, c’è la gioia, la gratitudine, la fiducia, la complicità, l’appartenenza, il piacere di trascorre il tempo migliore possibile tra quelli probabili.

Per giungere a questa ovvia consapevolezza ognuno di noi ha un grande cammino da compiere, e non esistono scorciatoie. Riuscire a osservare e osservarci è già una posizione ottima, ma niente vale quanto l’esperienza sul campo, quell’agirsi dal quale ognuno trarrà l’essenza del vero viaggio personale e della propria gioia condivisa, o meglio con moltiplicata, con un essere altrettanto perfetto quanto noi.

sandro-flora-silvia-paola-mussini-saya

Con Sandro, il mio compagno, stiamo insieme letteralmente 24 ore al giorno dal 2009, è stato davvero l’inizio di una nuova fase sentimentale, innanzitutto nei miei confronti. Un tempo realmente mio, fatto di crescita personale e spirituale, di grande ossigeno e di opportunità reciproche.

E’ stato finalmente il “mettere in pratica”.

Precedentemente sono stata impegnata 20anni in un legame che è finito a conseguenza del mio scegliere me, rapporto che rivivrei mille volte, avendo però più coraggio e chiarezza nel concludere una storia importante e fondamentale. Prima di questo sono cresciuta per tre anni in una relazione troppo complicata, ma ero giovane mi e lo perdono.

Dopo il divorzio ho vissuto per circa due anni un rapporto a tempi matrimoniali (suoi) con un uomo sposato. Relazione intensa che mi ha permesso di conoscere la mia insofferenza nel sentirmi limitata, parzializzata e nascosta al mondo. Un rapporto dove ho potuto conoscere la “disperazione dell’amante”, e capire definitivamente che cos’è l’amore, quello vero e non il raccontarsela con equilibrismi penosi che chi non ha il coraggio delle proprie scelte chiama ‘amore’. In mezzo a tutta questa vita c’è stata qualche altra storia che, anche se con pochi presupposti per essere definita tale da parte mia o dell’altro, mi ha (ogni volta, ogni storia) insegnato in modo leggero o doloroso ulteriori dettagli su di me.

Insomma dopo aver vissuto tutte le angolature della relazione amorosa ho constatato con gratitudine che da ognuna ho tratto illuminanti insegnamenti e per questo sono riconoscente ai compagni del mio passato come a divinità in terra.

Uomini diversissimi tra loro, con una me in cammino confuso e condizionato da un’età fertile, quegli ormoni pazzi che accendono la passione in direzione della continuità della specie talvolta travestita da grande amore (che vedendola dall’età dell’adesso ha il suo peso nella reciproca scelta e nell’interpretazione della ‘verità’). Esseri maschili che partecipando alla mia evoluzione, mi hanno offerto il loro esserci per come sapevano o potevano, e più che spesso è stato un tempo di cui ho ricordi bellissimi. Loro mi hanno amato e hanno agito per come era la loro confidenza con il “meglio” per se stessi, ma in realtà sono stati la mia spada nella roccia, per sgrezzare e svegliare me.

Senza l’esperienza avuta con ciascuno non sarei io, l’attuale me che il loro incontro, confronto e talvolta scontro, mi ha permesso di diventare. La me nel perenne adesso, con tutta l’immensa ricchezza del bagaglio di esperienze che solo una vita pienamente vissuta porta. La me fatta di emozioni, sentimenti, di errori, riposizionamenti del Sè, che i dispiaceri e le delusioni, anche nei confronti di me stessa, hanno spronato ancora di più a non rinunciare mai alla pace interiore e alla mia personale chiamata e direzione.

Così, passo dopo passo, sono arrivate la comprensione del mio valore e del mio spazio, del mio tempo e delle mie scelte. Del mio coraggio, del mio perdonarmi, del mio sapere come cavarmela sola, della mia forza che è cresciuta attraverso ogni nuova situazione a cui ho dato il permesso di espandere. E quindi sono arrivate la creazione e costruzione della mia strada, l’apertura a nuovi entusiasmi e alle vere gioie senza condizioni e condizionamenti dell’oggi. Tutto questo semplicemente lasciando libera quella me in connessione sottile e da sempre alleata nel mio Viaggio.

La mia fiducia, il mio affidarmi – e anche il tempo che diluisce e relativizza tutto – mi hanno portato a vedere con amore e comprensione l’io della me nel costante adesso, figlia di ogni attimo precedente.

“Non sono più quella di ieri, non so come sarò domani. Ma posso dirti come sono oggi, con i miei ieri.”
Alda Merini

Questo per dichiarare una volta di più che non esiste una relazione sbagliata ma sempre e solo incontri che sono dei veicoli sacri e fondamentali, necessari per accedere a grandi opportunità di cambiamento e chiarezza personali, indispensabili per stabilizzare il nostro centro. L’armonia della nostra esistenza è l’unica cosa che davvero ci riguarda e la componiamo noi stessi – sempre e comunque – tramite le nostre scelte, e sta solo a noi farne una musica che ci piace.

Perchè davvero quello che viviamo, di quello con cui risuoniamo e manifestiamo, nulla va perduto, e niente è inutile o è “troppo doloroso”, ma solitamente ce ne accorgiamo nel futuro.

E quindi Grazie uomini della mia vita!

Strada facendo sono diventata una persona realmente aperta, non solo nella teoria, cioè quella presunta saggezza che spesso è di apertura solo nei riguardi delle storie altrui, e quando ci tocca ragionare con la propria vita la faccenda diventa decisamente meno semplice, una zuppa zeppa di giustificazioni, giudizi, drammi… di troppo.

Camminando nella mia storia attraverso le mie storie, ho dato voce a quella me che sa quello che vuole, che sa quello che non vuole, che sa rispettare se stessa e che finalmente non ha (più) aspettative. Che libertà! Mi commuove l’essere diventata una bella persona che ha avuto segni e conferme di verità alla propria irrequietezza, dalla propria confusione, perchè un traguardo c’era, ed era me. Sono felice di conoscermi e di meritare tutto l’amore che sono, che sento, che c’è, sempre e comunque.

La conoscenza (ri conoscenza eterna) di Sandro mi ha fatto risuonare con un compagno gemello, aperto, sensibile, paziente, divertente, profondo, leggero, sdrammatizzante, con il quale è facile ridere, lavorare, giocare, vivere e reagire in purezza con la vera me, che anche per merito suo, è ormai l’unica verità che mi conduce. Per certo non posso sottovalutare che abbiamo avuto la fortuna di conoscerci e di crescere insieme all’inizio della nostra pratica Ho’oponopono, una pulizia che sappiamo non finirà mai.

sandro-flora-silvia-paola-mussini-yin-yang

Nel passato mai continuativamente avevo osato dar sfogo al mio risentimento o alla mia frustrazione in modo chiaro, nè con i miei partner nè con me stessa. Facevo in modo di appianare e smussare, di comprendere e di guardare il mondo da una nuvoletta santa, senza sperimentare apertamente l’opposto nelle relazioni, la sporca e oscura miniera di carbone che sta in fondo a ognuno.

Noi abbiamo imparato insieme a lasciar accadere lo tsunami, quella meteora che dura pochi secondi o qualche minuto, e finisce praticamente subito in un abbraccio e una risata del cuore, dei corpi e delle nostre anime.

Ci vuole sempre tanta attenzione per rendersi conto che il valore di un rapporto si percepisce essendolo completamente e onorandolo nella quotidianità, e non agendolo con un filtro opacizzato da aspettative, preconcetti, segreti, abitudini, consuetudini, influenzamenti, posizioni rigide, pretese, binari permessi o no e credenze popolari.

Nella vecchia me – quella giovane di età – esistevano quasi esclusivamente tolleranza, ascolto, gentilezza e comprensione a costo di avere perenni, e a me inspiegabili, mali di stomaco e dolori fisici di varia natura. Quei dolori (erano preziosi  amici, ora lo so, grazie) si manifestavano con voce stridente per farmi comprendere che era una mia scelta quella di non affrontare cambiamenti o chiarimenti, essendo occupata a osservare le esigenze altrui mi dimenticavo perennemente di qualcuno… della persona più importante, di me.

Io e il mio partner (l’io scritto prima non è casuale nè mai più sostituibile) abbiamo una linea comune di pensieri, di modi di vivere, di passioni, di interessi, di intenti e il medesimo sguardo sull’esistenza.

Sandro è l’essere perfetto per me e la mia gratitudine per lui, e per il tempo meraviglioso che trascorriamo insieme, mi commuove e mi riempie il cuore di verità. Il nostro motto, per tutto ciò che ci riguarda ma anche per tutto il resto, è “solo per oggi”. E il nostro tempo insieme diventa semplice e anche estremamente divertente oltre che prezioso.

Fondamentalmente per intercettare e risuonare con un altro essere “perfetto” dobbiamo solo conoscere e accogliere noi stessi nel profondo, e questo può chiarirsi solo vivendo completamente ogni esperienza, traendone insegnamenti concreti per poter ricevere quel meglio che meritiamo (tutti), e poterne godere con la nostra più trasparente e sincera amorevolezza.

sandro-flora-silvia-paola-mussini-love

Ti Amo, mi Dispiace, Perdonami, Grazie

Ho’oponopono relazioni senza condizioni

Quello che ogni essere umano desidera è avere delle buone e piacevoli relazioni: con se stesso, con la famiglia, con la propria comunità, con l’intero universo degli esseri che ha l’opportunità di poter incontrare, conoscere, apprezzare e amare durante la propria esistenza.

Ma innanzi a tutto quello che ogni essere desidera è una buona relazione di coppia, profonda, sincera, appassionata e longeva. Perchè il più grande desiderio di noi tutti è un bel rapporto nel quale crescere, condividere, divertirci e rilassarci. Un rapporto nel quale trascorrere del buon tempo, il miglior tempo possibile per conoscerci, per conoscere noi stessi.

Ognuno di noi ha constatato – al di là delle relazioni che nascono fulminee nella passionalità, che spesso altrettanto velocemente muoiono – la grande gioia e l’appagamento di un rapporto duraturo, e altrettanto tutti ci siamo sentiti almeno un po’ disorientati quando per troppo tempo non abbiamo incontrato un compagno di viaggio con il quale sognare un lungo e definitivo (che parolona!) lieto fine.

uno nell'uno

Perché il “vissero felici e contenti” con cui si concludono le favole è piuttosto improbabile oltre che statico. Nel senso che c’è anche quello in mezzo a tanta altra vita viva che ci consente di sperimentare molte altre cose non esattamente idilliache, vissuti che sono sempre e comunque formativi e di grande crescita. Sacri comunque.

Quello che ogni essere comunque desidera, oltre a un grande amore, è anche la libertà, l’indipendenza, la leggerezza nella gioia di poter essere se stesso, con tutta la propria individuale bellezza, ma anche potendo mostrare al proprio compagno – talvolta – quei lati caratteriali che proprio facili non sono, nella sicurezza di essere (reciprocamente) compresi, accolti e amati comunque.

Per incontrare e relazionarmi sentimentalmente con “qualcuno che vada bene per me” in modo sereno e duraturo, è meglio che io abbia le idee chiare su me stesso/a, perché il “bene per me” potrebbe essere sbilanciato e non preventivato, ovvero non essere così ‘bene’ come vorrei e come merito. Come in realtà tutti gli esseri meritano.

Ci sono un un’infinità di teorie e di interpretazioni filosofiche, emotive e anche ‘scientifiche’ che hanno spiegazioni per tutto e per tutti. E’ tutto molto interessante e anche estremamente vasto… E di teoremi ce ne sono così tanti che se diamo retta agli schemi e agli esperti che ci paiono meritevoli di un approfondimento rischiamo di non uscirne più, o magari di essere ‘pronti’ con ritardo, e invece che vivere rischieremmo di trascorrere la vita a studiare noi stessi e gli altri per codificare e cercare di giustificare e integrare i comportamenti di tutti.

Qui e ora.

Quello che ci è più utile è molto semplice: è quello che ci fa stare bene, è Amore. Invece che complicare le cose dovremmo muoverci per tutta la durata della nostra esistenza sempre con semplicità, chiarezza, gratitudine e amore. Il nostro compito è allenarci alla conoscenza della nostra reale identità, e a metterci contemporaneamente nei panni degli altri, insieme, per una sincera e trasparente condivisione.

Sincera perchè i presupposti fondamentali per una relazione chiara, profonda e amorevole sono la pulizia della mente, della parola, del cuore e dello spirito.

In tutte le relazioni, e principalmente in quelle sentimentali, la trasparenza dovrebbe essere un obbligo e un impegno reciproco, che detto così sembra pesantissimo… traduciamolo meglio con: “la trasparenza è lealtà reciproca.”

Perchè un rapporto profondo significa anche essere profondamente amici e senza dubbi “amare è volere il bene dell’amato quanto il proprio.”

all we need is love
Comportarmi con amore, che lui/lei sia presente oppure no, e confidarmi, con il mio partner come vorrei che facesse con me, è l’intenzione di costruire qualcosa di corretto, di coraggioso e di profondo. Perchè nessuno ci obbliga forzatamente a mantenere una relazione anche se spesso si trovano tante scuse per vivere equilibrismi segreti paralleli: non ci obbligano i figli e neppure l’ambiente, non ci obbliga (a noi, magari all’altro sì ma è un suo problema) il carattere del nostro partner e neanche il sapere che molti lo fanno e ci sembra normale.

Se troviamo delle giustificazioni per mettere tra noi e il nostro amato la non trasparenza, perchè pensiamo che abbiamo il diritto – o la voglia, il bisogno, contemporaneamente di “una vita nostra” attraverso sotterfugi o imbrogli – di qualsiasi tipo siano – perchè “lui/lei non capirebbe mai” o “mi ammazzerebbe” o quali altre pittoresche visioni ci raccontiamo, per certo definisce che non siamo coraggiosi, non siamo in amore e neppure in onore.
Però siamo disposti ad avere il “coraggio” di entrare in una turbolenza emotiva fatta di scuse e di trucchetti pur di lasciarci guidare dalle emozioni di superficie, portatori di un’energia di un vissuto (creazione) che ci tornerà indietro in una qualche maniera, e probabilmente non sarà in modo piacevole.

Con questo non è che intendiamo dire che c’è il bene che è bianco e il male che è nero, in mezzo ci stanno parecchie inusuali e affascinanti sfumature.

Se (davvero) amo qualcuno (e se sto con qualcuno lo amo… credo) come minimo desidero che si possa avere entrambi pari opportunità. Quindi andrebbe anche bene il desiderio di “una propria vita parallela” (che potrebbe effettivamente portare a una prossima relazione ideale) ma sarebbe giusto informarne il prima possibile anche la persona con la quale sto condividendo la mia esistenza alla luce del sole, perchè anch’egli possa riflettere e accettare la mia scelta (oppure no), e magari sentire come corretta anche la propria libertà, nella stessa maniera che stiamo vivendo la nostra, e insieme si potrebbero riconsiderare le nuove basi, o l’archiviazione, del rapporto tra noi.

Perchè comprensibilmente il nostro partner potrebbe decidere un’altra vita senza di noi, oppure potrebbe desiderare di mettere le cose al posto giusto con chiarezza e insieme.

Ti amo, mi Dispiace, Perdonami, Grazie.

Quando le alternative segrete – che possiamo definire come un tradimento alla nostra integrità – diventassero una prassi o un’abitudine, qualcosa di fondamentale non quadrerebbe più nel rapporto primario e dovremmo avere il coraggio di chiamare la relazione ufficiale opportunismo.

La via (ndr: la nostra integrità) non può essere lasciata un solo istante. Se potessimo lasciarla, non sarebbe la via.
Confucio

Avendo stabilito questo, diamo uno sguardo (leggero) a quelli che consideriamo gli intoppi più comuni nelle relazioni di coppia.

caos e sviluppo

Non è detto che chi attrae perennemente compagni lagnosi, paurosi o bisognosi lo sia anch’esso. A volte sì e lì in effetti può sorgere il caos, temine che il dizionario definisce come “estremo disordine, grande confusione”. “Caos” oltre a essere l’originaria mescolanza degli elementi che secondo alcuni tentativi filosofici spiega la formazione dell’universo, etimologicamente significa fenditura, apertura e quindi diviene un “aprirsi, spalancarsi”, e dal presunto negativo ne può scaturire un’opportunità unica, quella di “mettere le cose al posto giusto” con trasparenza e senza macigni sul cuore.

Comunque in effetti capita di attrarre una tipologia specifica di personalità: magari incontriamo principalmente partner non autonomi, e regolarmente ci tocca proteggerli e occuparci di loro come faremmo con un bambino o diventando per loro una sorta di badante, di curatore e assistente. Oppure viceversa siamo noi ad avere un’indole dipendente, e abbiamo bisogno di un genitore o della maestra che ci indichi la via e al quale diamo tutta la responsabilità della relazione.

Semplificando: quando e se ci rendiamo conto che c’è qualcosa da mettere al posto giusto (oltre naturalmente a pulire/pulirci sempre con Ho’oponopono) dovremmo sforzarci di vedere e di mettere insieme tutti gli insegnamenti ricevuti delle relazioni già vissute – anche quelle non di coppia – individuando quale sia il denominatore comune di quello che ci pesa come “il (nostro) problema”, che spesso è un’emanazione di una consuetudine caratteriale personale che innesca lo stesso meccanismo nella storie affettive che viviamo.

Di base per attrarre la persona ‘ideale’ per me devo fare in modo di essere ideale per lei, e la via che mi porta al meglio per tutti i coinvolti è innanzi a tutto diventare io stesso la persona che vorrei incontrare.

Perché solo così potrò mettere in onda quelle vibrazioni, che comunque emano, che attrarranno il partner corrispondente a ciò che io vivo, sono e desidero per la mia migliore esperienza sentimentale.

“Amo e rispetto ogni incontro perchè è una fonte di crescita divina, in qualunque modo contribuisco alla materializzazione della mia realtà a riguardo. Ti Amo, mi Dispiace, Perdonami, Grazie”.

 



Uno nell’Uno – Sessione di Pulizia Ho’oponopono per le coppie e per le relazioni è disponibile QUI

La Pace comincia con una tazza di tè

In quest’anno di mia ennesima personale rinascita mi sono ripromessa di non pubblicare post solo per mantenere vivi e interattivi i miei blog, ma solamente quando ritenessi di avere qualcosa di interessante, o a mio parere di importante, da comunicare a chi segue quello che pubblico. E in effetti su questo sito è dal 19 agosto che non pubblico un articolo originale, poichè l’ultimo lo ho riportato a fine ottobre da 108grani, il blog che seguo insieme a Sandro, il mio compagno di viaggio.

In questo momento della nostra vita, pur facendo forse ancora più cose di prima, siamo in assoluta sintonia con l’essenza di questa perla di Arthur Schopenhauer “Tutto ciò che è squisito matura lentamente.”. E tutto ciò che si fa con il cuore è sempre e comunque leggerezza e soddisfazione.

brionvega radio
Ma stamane mentre facevo la doccia ho ascoltato alla radio una notizia che mi ha sia sorpreso che dato grande gioia. Premetto che raramente accendo la vecchia e un po’ gracchiante cubo Brionvega verde che abbiamo in bagno, perchè comunque preferisco il silenzio. Quando lo faccio mi piace intenderlo come un piccolo rituale di sincronia: ruoto la manopola finchè non mi sintonizzo con la prima frequenza chiara e contestualizzo la (prima) cosa che ascolto come una comunicazione che mi riguarda che, come in un lancio de I Ching può rispondere al mio attuale momento, che sia la parola di una canzone o una frase all’interno di un discorso.

Stamattina la scelta del destino mi ha portato a conoscere Giuseppe Spadafora in arte Giusepi, un americano di evidenti origini italiane, che da anni viaggia per l’America del nord a bordo di un vecchio scuola bus trasformato in casa del tè, offrendone una tazza con chi vuole trascorrere un po’ di tempo a chiacchierare con lui.

“L’amicizia e l’amore non si chiedono come l’acqua, ma si offrono come il tè.” Detto Zen

Mentre ascoltavo la sua storia immaginavo che fosse un vecchietto che pur di avere un po’ di compagnia avesse lasciato la sua vita al tramonto iniziando coraggiosamente un viaggio di fine esistenza con una deliziosa ‘follia’. Invece, cercando la notizia in internet, ho visto che Giuseppe – ex video editor in California – è un 32enne che ha deciso di barattare il suo tempo con relazioni e rapporti umani attraverso questa originale decisione alternativa alle convenzioni e alle consuetudini.

TEAweb3-articleLarge

Giuseppe, che è in viaggio con il suo caravan dal 2006, afferma di aver offerto finora (dal contatore sul suo blog) 28,086 tazze di tè parcheggiando nelle piazze, nei parchi, nei pressi delle scuole, partecipando agli eventi e ai festival all’aperto e ovunque si possa fermare con la sua casa mobile. Il suo rituale è stendere un tappeto fuori dalla porta di “Edna Lu” esponendo un pannello con la scritta “Free tea” per chiarire subito il suo intento.

TEAweb4-articleLarge

Edna Lu è il nome con il quale ha battezzato il suo veicolo, comprato a 2900 dollari e poi modificato con materiali prevalentemente di recupero per includere un lucernario, dei pannelli solari sul tetto, un motore che gira con olio da cucina usato che va a chiedere ai ristoranti, un letto che si abbassa dal soffitto, una stufa a legna e un corno gutturale che suona come clacson di un sottomarino per annunciare la sua presenza e l’opportunità di partecipare ai suoi Free Tea Party.

La sua motivazione a questo stile di vita è creare l’occasione di favorire l’incontro tra le persone, e promuovere i legami umani come opportunità di una maggiore comprensione dell’altro, dell’inconsueto e del non abituale, attraverso quella fiducia e gratitudine reciproche che sono consone alla natura di ogni essere umano, ma che per certo il tipo di vita attuale non sostiene nè consente, anzi.

“Se hai freddo, una tazza di tè ti riscalda, se sei depresso, ti rincuora, se sei agitato, ti rilassa.”  William Gladstone sec XIX

Ha scelto questa via di connessione e di pace per favorire la comunicazione e lo scambio di esperienze e di saperi perchè il suo bus del tè dispone anche di una piccola biblioteca a cui tutti possono attingere o ingrandire. Afferma inoltre che il suo scopo è di aiutare se stesso e le persone a rallentare, così da avere il tempo per riscoprire il profumo della convivialità, e anche per rendersi conto di quante cose ciascuno di noi potrebbe donare e condividere, senza avere in cambio nulla di materiale, anche se molte persone contraccambiano volentieri con una piccola donazione o qualcosa che a lui possa essere utile come del cibo o altro.

475606

Il principio del vivere con lentezza è la consapevolezza che “tutto possiede la sua specifica velocità e che spesso ci concentriamo troppo sulle cose fatte in fretta”. Altrettanto importanti sono la sostenibilità e la permacultura, dove l’intento primario è prendersi cura del pianeta avendo cura del suo popolo, e poi il “do it yourself, do it together” ossia il “fai da te, farlo insieme”. Vivere in quest’ottica diviene un riappropriarsi della capacità di curare se stessi intervenendo direttamente sui propri bisogni e desideri in collaborazione ed empatia con gli altri, a favore di tutti e di tutto il sistema.

“Una tazza di tè è una tazza di pace.” Soshitsu Sen XV sec

Giuseppe ha messo in azione una personale rivoluzione pacifica offrendo una tazza di tè a chiunque si regali un po’ di tempo per condividere un momento di conversazione e di scambio. Perché farlo? Semplicemente perché nella nostra società ce n’è tanto bisogno, e la sua missione è quella di portare e lasciare dietro di sé un caloroso messaggio: coltivare il vivere comunitario, l’interazione umana, il benessere psicofisico e la condivisione del sapere.

TEAweb2-articleLarge
“Non c’è bisogno di tenere un atteggiamento speciale bevendo il tè, tranne quello di gratitudine.” Pojong Sunim

Chi volesse saperne di più e seguire Giuseppe nelle sue avventure – perchè il suo percorso è più vasto di questo mio breve scritto – QUESTO è il suo blog.

Ho’oponopono e Samhain perchè il Tutto è Amore

Questa notte per chi lo sa e per chi non, tutta l’umanità esisterà in Samhain, il culmine di un momento di passaggio che viene festeggiato da molti secoli su tutto il nostro pianeta.

La tradizione più nota proviene dalla cultura celtica che ha tradotto in rituale l’energia riferita ai ritmi della Natura, al ringraziamento dei doni ricevuti durante l’anno e alla celebrazione delle anime che sono accanto a noi nel mondo del di Là.

Più che scegliere una strada o l’altra a noi piace integrare, e in quest’ottica e desiderio, la nostra giornata è nel completo ringraziamento e festeggiamento di tutto ciò che ci ha portato fino qui, grati di ogni evento e di ogni ‘raccolto’ in ogni sua forma e manifestazione.

Celebriamo il raccolto dei frutti che quest’anno ci ha portato, e quindi del nostro nuovo lavoro che è l’espressione di noi e il nostro sostentamento, delle tante buone nuove ricevute, dell’esperienza, della libertà, della consapevolezza, e dell’Amore che ci conduce l’uno verso l’altra, insieme verso il mondo, accompagnandoci in questo Viaggio esistenziale.

Samhain-Grazie-Padre-per-avermi-già-ascoltato
Esattamente in questo momento dell’anno, siamo al culmine del passaggio dalla fase di luce a quella di buio, come ci dimostra il piano di esperienza nel ciclo naturale, quell’eterno bioritmo dell’esistenza globale e delle singole esistenze, che sono tutte interconnesse verso la migliore evoluzione per tutti gli esseri.

Yin e Yang, una parte non può essere né esistere senza l’altra, e oggi possiamo utilizzare la volontà di sciogliere quella valenza positiva o negativa che abitualmente attribuiamo a queste due energie – luce e buio – sempre connesse e sempre conseguenti una all’altra, perché è impossibile che esistano una senza l’altra.

Oggi si celebra il punto ‘neutro’ di queste due energie, il fulcro centrale, quello che sta nel mezzo e che le unisce all’origine, quella zona da cui parte l’intenzione di manifestare un’esperienza di gratitudine e di co-creazione consapevole, sempre e comunque.

Oggi, e questa notte, possiamo integrare la nostra ri-conoscenza al nostro intento futuro, con il sostegno e la guida delle energie degli esseri che sono già nell’altra dimensione.

In questi giorni il velo tra i mondi è sottilissimo e sta a noi prenderne consapevolezza con fiducia e con tutto l’Amore che siamo, che ogni essere esistente – in ogni spazio tempo – è. Da sempre e per sempre.

Come per ogni celebrazione, noi stiamo semplicemente aperti ai segni e improvvisiamo la nostra ‘festa del raccolto’, connessi alle energie in atto, aprendoci con accoglienza e rispetto al momento cosmico in azione.

Alle 21 accenderemo dei lumini per illuminare il percorso, una strada simbolica che inizia dalla porta d’ingresso di casa e arriva all’altare, una linea di luce per accogliere le anime che verranno a farci visita.

 

Samhain-2015-altare-SaYa

A mezzanotte, dopo aver recitato 108 volte il mantra Ho’oponopono, faremo il rituale in un comune intento di ringraziamento e gratitudine lasciando andare il vecchio – è la perfezione perché siamo anche in luna calante! – un breve intento personale insieme a quello per benedire la nostra relazione. Scriveremo le nostre frasi su dei foglietti di carta, ognuno le proprie e insieme quelle comuni, le firmeremo e quindi bruceremo nel calderone di rame i nostri intenti insieme a tutte le preghiere e le richieste di pulizia anche di altre persone, che dall’inizio dell’anno sono sull’altare.

Concluderemo con un brindisi mangiando l’uva e le castagne che sono sull’altare, i frutti simbolici del raccolto di questa celebrazione nell’onda di un connesso e fiducioso “Fai Tu, sempre Grazie Padre per avermi già ascoltato”.

A nostro parere il mantra Ho’oponopono “Ti Amo, mi Dispiace, Perdonami, Grazie” esprime meglio di qualsiasi altra formula tutto ciò che c’è da dire nei nostri confronti e altrettanto verso gli esseri nella dimensione sottile, che oggi in modo particolare ci accompagnano e ci proteggono con silenziosa e amorevole cura.

Ti Amo, mi Dispiace, Perdonami, Grazie.

Silvia Paola e Sandro (SaYa)

(Articolo di 108grani.com).

AMORE da conquistare e con cui stare

Regali Ho’oponopono per te


Ho'oponopono con la Mala (PDF/EPUB)

108 Grani Ho'oponopono (AUDIO MP3)

Inserisci qui sotto i tuoi dati e scarica i regali:
Rispettiamo la tua privacy. Il tuo indirizzo email non verrà mai condiviso. Potrai cancellarti dalla mailinglist in qualunque momento con un semplice clic.

Sessione Ho’oponopono di coppia

Amore da conquistare

La perfetta pulizia di Ho’oponopono

Le Mala 108grani di SaYa

il mio Ho-oponopono

Meditazione del Bosco Interiore

Libro consigliatissimo

Archivio

Visualizzazione guidata a 432hz

Lui Sa nel Grande Disegno

Meditazione guidata

Coaching con me

Armonizzarsi è connettersi, collegarsi al Tutto.

Bruno Groening

la Natura a casa tua

Cerchio d’Amore

L’amore non è una passione. L’amore non è un’emozione. Non solo. L’amore è una comprensione profonda del fatto che in qualche modo l’altro ti completa. Qualcuno che ti rende un Cerchio perfetto. La presenza dell’altro rinforza la tua presenza. L’amore dà la libertà di essere se stessi, e amare davvero è volere il Bene dell'amato quanto il proprio.

Il mio sito principale

ℒℴ√ℰ ♡

antiparassitari cani e gatti

ℒℴ√ℰ ℳ ﻉ ♡

vendita cosmetici on-line