Bruno Groening, Ho’oponopono e le Energie

Ciao Silvia Paola, ti avevo fatto la mia domanda nel Blog, ma non ho trovato riscontro…forse ho postato male.
Alle spalle ho una lunga storia di ricerca sincera.
Riconosco che in parte questa mia ricerca è stata alimentata dal desiderio di avere una figura protettiva, di essere accompagnata, guidata e protetta dalle paure e dai dolori della vita davanti alla quale mi sono sempre sentita in pericolo.
Forse la mia meta doveva ..deve essere diversa , forse, se avessi trovato questa protezione, mi sarei fermata a forme di spiritualità più consolante.

Capisco che pur avendo compreso “come stanno le cose” grazie ai principi che ho letto e sentito in altri e che tu stessa trasmetti, mi manca la Fede che tutto quello che succede è per il mio Meglio e vivo nella paura e nella difensiva…ed è molto faticoso e difficile e logorante..sempre alla ricerca di sicurezza e protezione.
L’unica vera esperienza del Divino l’ho avuta molti anni fa….

sguardo

Una sera … stavo recitando una preghiera Sufi, ero tranquilla nella mia stanza e sono stata presa da una profonda Commozione e pianto. Mi si era aperta dentro alla testa, forse nella nuca, l’Immagine di uno Sguardo, non posso dire di più, uno Sguardo dietro ai miei occhi e ho sentito che stava creando la realtà attraverso la mia coscienza e che così si conosceva. Come una finestra aperta creava me e ciò che mi circonda, attraverso di me.
Uno Sguardo che crea ed emana i mondi, attraverso la Sua energia che è AMORE e l’ho sentito emanare questo Amore che mi esistenzia e di cui siamo fatti e tutto è fatto.

Lui o questo Sguardo è sempre con me perchè se si chiudesse, sparirei io e tutto quello che ho intorno…all’istante.
Per anni e anni, tanti….ho continuato a cercare fuori, in libri, maestri… incontri, persa nei miei problemi, dolorante nelle mie ferite…. problemi fisici…e nel tentativo di trovare la Pace. Avevo detto basta e proprio nel momento in cui ho desiderato chiudere questa mia ricerca e lasciar fare a questo Sguardo… sono venuta a conoscere la figura di Bruno Groning.
E nella mia città si è installato un gruppo, piccolo ma costante che si ritrova ogni quindici giorni. Certo l’impostazione dei discorsi è molto “semplice” direi didattica e catechistica, nel senso buono del termine, riconoscendo in chi lo guida tanta Fede e Buona Volontà.

Certo non sono espressi i sommi principi del Tao o dell’Advaita Vedanta, non si parla di risveglio, del mondo come proiezione dei nostri contenuti inconsci ecc…ma una dottrina semplice, forse un po’ riduttiva che invita alla Fede nel collegamento con Bruno.
Ma arrivo alla mia domanda….

Perché, dopo aver percepito la Fonte del mio Essere, la Sorgente dell’Energia divina dentro di me, devo rivolgermi fuori e invocarla e riceverla con l’einstellen attraverso Bruno, un tramite di questa, voglio credere, stessa Energia?
Perchè il contatto con il Mio Divino interiore non può essere diretto, perché non posso ricevere da lui direttamente la guarigione del corpo e dell’anima, ma c’è bisogno dell’opera di intermediario di Bruno?

Scusa l’intrusione e grazie ancora della tua disponibilità.
Un abbraccio
Loredana

inconscio
Aloha cara Loredana
leggerti mi ha dato gioia, tenerezza, comprensione, compassione e prezioso Amore, te ne ringrazio.

Parto dal fondo del tuo scritto: io non ‘devo’, loro non ‘devono’, tu non ‘devi’ delegare nessuno, nel caso l’amato Groening.
Il percorso che hai compiuto è stato lungo, inevitabile per il tuo cuore, un viaggio volenteroso e doloroso; a tratti le tue parole descrivono quasi uno spasimo impaziente per voler veder manifestato il miracolo che la tua ricerca continua e profonda meriterebbero.

Sono dell’opinione che questa precisa epoca (2011-2019, cerca su google o su youtube “9 onda espansa calendario maya Marco Fardin”*) abbia delle manifestazioni adeguate a questo spazio tempo.

Qualche esperto con una sorta di snobberia afferma che il mantra Ho’oponopono non è parte della tradizione ancestrale hawaiana. E’ vero, fa parte dell’Ho’oponopono moderno, definito dell’Identità del Sé, aggiornamento creato e voluto da Morrnah Simeona. Le gocce di rugiada, altro nome del mantra “Ti amo, mi dispiace, perdonami, grazie”, sono state canalizzate e portate al mondo dal dottor Hew Len nel 2008, come un nuovo dono che è diventato lo slogan che sta risanando milioni di individui.

Un regalo adatto a questa epoca: semplice, conciso, comprensibile, efficace. Ti amo, mi dispiace, perdonami, grazie, parole sempre corrette nell’ordine che ciascuno sceglie, hanno sfumature che in ognuno risuonano in modo diverso, e sempre quando praticate, agiscono con un effetto di pulizia dirompente.

“L’efficacia è la misura della verità” (7 Principio Huna)

Ciò che stiamo tutti cercando di raggiungere e mantenere è la semplicità, la naturalezza suprema, perché solo attraverso questa personale connessione possiamo accedere autonomamente al divino, ma ancora crediamo, o preferiamo credere, che ci vogliano rituali, studi, corsi e diplomi per renderci abili a comunicare con Dio.

Siamo da sempre e per sempre immersi in quella sostanza che crea e manifesta tutti i piani di esistenza, quel luogo dal quale da bambini ci tiravano giù a forza: “Svegliati, e non fantasticare sempre!”

E quindi cosa è ‘giusto’, cosa ‘devo’ fare, dato che so che l’energia è sempre quella, Una, unica, infinita e a illimitata disposizione di tutti?

Faccio, sono, sento, divento quello che mi attira senza fatica, quello che sincronie e segni che posso intendere mi portano ad approfondire, quello che non mi stanca né mi annoia ma che scelgo in quel momento, perché l’anima e il cuore dicono che è la mia attuale verità. Ci sono fasi della vita che ci portano a interessi o a scelte. Solo portando a loro attenzione, amandole appassionatamente fino alla completa comprensione e conseguente soddisfazione nel passare oltre, metabolizzando e integrando ogni più infinitesimo insegnamento, siamo in grado di onorare la causa che le ha portate a noi.

Ogni cosa che arriva non è a caso, ci possono essere migliaia di ragioni perché si è manifestata, o forse no, perdiamo troppo tempo a disquisire, a costruire e a difendere la teoria più convincente per capire con l’intelletto il Grande Disegno. Che non possiamo vedere per intero, poiché appartiene anche a un altro, ad infiniti altri, piani di esistenza.

In ogni caso io adesso sono qui, e mi riguarda ciò che manifesto, che co-creo o che è una traccia già decisa prima di incarnarmi in questo Viaggio, per la mia evoluzione e quella di tutti gli esseri che mi circondano.

Ogni volta che il mio interesse per qualcosa/qualcuno si acuisce, a volte rasentando l’assoluta priorità per indagare a fondo, lo sento come una tappa, una conferma del collegamento sempre in atto, un dono mandato per aggiungere esperienza da una angolazione non abbastanza esplorata: il credere ad un altro per poter credere, constatare e manifestare senza più dubbi di me, in me e anche in tutto ciò che mi circonda.

Bruno Groening è un’opportunità di fare un pezzo del viaggio in pieno relax, riposandoci anche un pochino, sapendo che è qualcuno che ha dimostrato cosa un essere umano può essere e fare. Il mio cuore trabocca di tenerezza per quel bambino anomalo che è stato, che a neanche 3 anni spariva per giorni, e notti, nei boschi perché solo immerso natura del bosco si sentiva a proprio agio, accolto, compreso, protetto, amato.

bruno-groening-bambino-bosco

Ma che veniva riportato a casa dai vicini o dai genitori con botte, punizioni e l’assoluta cecità di essere in presenza di un’anima evoluta, che nel tempo ha dimostrato un potere preveggente e guaritore straordinario confrontato a quello di chiunque altro in epoche conosciute. Il tutto dal 1949 ad oggi amorevolmente e minuziosamente documentato.

Bruno Groening si definiva “l’uomo della spazzatura”, diceva: “date a me i vostri dolori, le vostre malattie, la vostra disperazione, me ne occuperò io di pulire e smaltirli per voi, mentre potrete con il nutrimento di Dio (l’Heilstrom) sperimentare da subito la piena salute di corpo, mente e spirito.”

Certo con un sistema che poteva sembrare quello di un moderno guru, che come gli attori dell’epoca spediva la sua foto a chi aveva bisogno di un sostegno energetico, di un canale forte, di un braccio sicuro per fare un balzo nel proprio rapporto con Dio.

Sapeva già, e lo spiegava, di ciò che oggi conferma la fisica quantistica: la sua immagine avrebbe portato la sua energia in maniera ancora più massiccia perché, affermava, ogni foto contiene un’informazione intentiva concreta pari alla presenza reale.

A un certo punto della sua vita, amareggiato dai rapporti che instaurava con le persone che percepiva come aggressive e cattive, chiese al Dio del Tutto di prenderlo e di poter terminare questo viaggio troppo doloroso per la sua sensibilità.

Dice di aver avuto in risposta una visione e un compito, che era quello di portare la fede e l’Amore per Dio e l’energia di guarigione in tutti gli esseri. E finalmente il piccolo Groening, come si definiva essendo altro poco più di 1 metro e 70, comprese come e dove dirigere la sua grande energia risanatrice che definiva semplicemente Amore e fiducia nel Dio di tutto ciò che è.

bruno-groening-foto

Non accettava né denaro e rispondeva di rivolgere a Dio e non a lui i ringraziamenti per le guarigioni, si definiva solo un tramite, un connettore, un trasformatore: “Nessun essere umano può guarire, uno soltanto lo può fare, Dio!”.

Le spiegazioni e le argomentazioni che condivideva nelle sue conferenze, che ho tradotto con google translator da varie lingue, erano semplici, con esempi quotidiani, comprensibili anche ai bambini. Si esprimeva con totale semplicità, ma non perchè non aveva studiato, a causa delle difficoltà economiche familiari nel pieno della prima guerra mondiale.

Nelle registrazioni dell’epoca (metà anni ’50), in tedesco, la sua voce spronava semplicemente ad aver fiducia e a connettersi a Dio, autonomamente. Ma per sgominare anche i cervelli più duri (impauriti, annientati, malati, disperati in quel dopoguerra) si offriva, e si offre, come lo spazzino che alleggerisce le menti e i corpi da quelle distorsioni che, lontane dalla Fonte, non sono più Amore. In pratica è stato, ed è, uno sciamano futurista.

Ecco perché, adesso, lo seguo con una riconoscenza pubblica per lui, e anche per riparare, per quel poco che posso fare, alle tremende ingiustizie terrestri alle quali è stato sottoposto: violenze fisiche e psicologiche, soprusi e denunce che lui ha sopportato mentre chiedeva solo di lasciargli guarire spiritualmente – con effetti circolari da materia a spirito e ritorno – tutte le anime incarnate che ne avessero avuto bisogno.

Adesso è un’altra era, tutto cambia e anche lui, se ci fosse ora, probabilmente si esprimerebbe in modo diverso, ma quella figura nel suo tempo è stata meravigliosa e necessaria, per consentire una silenziosa presa di consapevolezza da parte di tantissime persone. Persone semplici, che da 35 anni aprono e si occupano dei “circoli degli amici” sul passaparola, con l’unico desiderio di stare bene e di fare del bene.

Tu sai e sai già Tutto Loredana e sei meravigliosa. Hai avuto un’esperienza bellissima, adeguata alla tua grande ricerca e alla tua capacità di accoglienza. Quello che non dobbiamo mai dimenticare è che siamo, ogni essere è, un concentrato di Amore in un sistema fatto della stessa sostanza, arrendiamoci alla fiducia sempre e comunque, e al fatto che co-creiamo.

Dobbiamo tenere il cuore alla Fonte, fidarci e non provocare attriti emozionali nel sistema (con dubbi, paure, bisogni o eccesso di ego) ma favorire con gratitudine la fluidità naturale dell’esistenza che evolve per il meglio di tutti gli esseri.

Se posso permettermi ti dico quello che dico a me: semplifica. Il modo più semplice è mettere in pratica l’unico insegnamento che ci connette tutti alla Sorgente: presenza dell’adesso e riconoscimento della propria essenza divina. Tutto il resto si muove da sé sostenuto dal nostro Amore e dalla pulizia e dalla purezza del nostro cuore.

mantra-hooponopono

Trovo interessante la frequentazione del Circolo degli Amici, anche se caratterialmente non sia mia abitudine questa modalità di incontri, ma qualche volta andrò e così sarà finchè l’energia che mi collega a Groening lo riterrà buona cosa.

Ci andrò per gratitudine e per essere vicina a una realtà nella quale potere, anche senza grandi tesi filosofiche, condividere energia co-creativa nella stessa direzione, energia incarnata da persone che esprimono la fede in maniera semplice allenandosi a riconoscersi reciprocamente e individualmente divine.

Ti abbraccio forte

Ti amo, mi dispiace, perdonami, grazie

 

*Marco Fardin caro amico, esperto italiano del calendario maya e diffusore delle scoperte di Carl Calleman che considera il suo maestro. Nota l’illuminante teoria dell’evoluzione vista dallo tzolkin, e la precisa definizione di Fardin del punto evolutivo epocale – la 9 onda espansa, adesso – che svela e stabilizza la facoltà di manifestare la nostra co-creazione consapevole.

 

*.:。✿*゚ ‘゚

 

“Bruno Groening – il dottore dei miracoli” puoi ordinarlo su Amazon:

o su Macrolibrarsi:

Bruno Gröning - Il Dottore dei Miracoli

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

€ 14,88 invece di € 17,50 Sconto 15 %

€ 17.5

Legge d’Attrazione e Ho’Oponopono: un gruppo speciale

Questo post vuole essere innanzi a tutto un ringraziamento. Un grande Grazie all’intero gruppo facebook “Legge d’Attrazione e Ho’Oponopono” che è neonato, essendo stato generato a gennaio 2015 di quest’anno. Questo luogo è stato voluto e creato (per noi neonati SaYa e il nostro nuovo sito 108grani.com) da Christophe Ciccarelli, un amato essere che fa parte del percorso della mia anima e di quella di Sandro.

gruppo legge di attrazione e ho oponopono fb
Con Sa nel tempo ho constatato nei riguardi di Christophe, non solo gli obiettivi comuni di Luce iniziali ma anche dei trascorsi simili confrontando vecchie situazioni personali e professionali reciproche, condividendo le destabilizzazioni profonde che abbiamo singolarmente vissuto, che abbiamo tutti soluzionato semplicemente pulendo e lasciando andare con tanto, tanto Ho’oponopono. Abbiamo co-creato nel campo armonico di noi 3, che ci ha risintonizzato a un nuovo mondo semplice e fraterno a cui portiamo attenzione momento per momento, ed è bello ed estremamente fluido scorrere insieme a Chris.

0
Perché Christophe non è solo un “Amico”, è un poeta e un cavaliere che si prende estrema cura di ogni iscritto del gruppo, è un esempio di Amore incondizionato perciò voglio testimoniargli in modo pubblico la mia gratitudine. Chris, anche se ormai il suo vero volto è radianza di puro Amore, è una persona che ne ha passate molte, ha sofferto molto ma ha trovato proprio malgrado questo, la sua opportunità in tutto questo, e tutto quel sofferente passato si è sublimato nell’Amore incondizionato che porta a servizio del Mondo. E’ amorevole ma fermo quando ci vuole, armonia che riesce a comunicare e condividere con devozione ed entusiasmo quotidianamente, per infinite ore, prendendosi cura di questo luminoso Gruppo.

10
E poi ci sono i preziosissimi admin (i fantastici amministratori) con i quali inizialmente tutti insieme abbiamo dato una struttura attraverso le personali predisposizioni, per esprimere al meglio questo viaggio comune. Admin dei quali conosco meglio la prima onda pioniera entrata nel Gruppo:

!GRAZIE VI AMO
Adele, Annamaria Anima Vibrante, Cristina, Christophe, Gianluca, Graziana, Lucio, Mary, Mirko, Nicoletta, Rosanna, Sandro.

11
E poi mentre il gruppo cresceva a dismisura (dopo soli 5 mesi i membri attualmente sono circa 10.400) altri nomi sono fioriti, i nuovi, amorevoli e graditissimi admin:
Alida, Carlotta, Ettore, Giuliana, Grace, Leila, Rossana, Sandro G., Simonetta, Stefania GRAZIE VI AMO!

 

12
e così adesso siamo in 23, anche se io bigio regolarmente le chattate del gruppo amministrazione, vi prego perdonatemi, vi Amo!

Tutti, TUTTI, in questo gruppo seguendo la propria ispirazione si donano anima e cuore per la completa pace, gioia e amorevolezza di tutti i componenti.
Una delle grandi ricchezze di questo gruppo è che ogni amministratore ha una sua propria luminosa personalità che aggiunge caratteristiche importanti al messaggio globale del gruppo stesso e tutte queste sfumature arrivano a beneficio di ciascuno di noi, e tramite ciascuno vanno oltre, risuonando per il mondo.

Io non sto molto tempo su fb, me lo sono imposta poiché la gentile via della condivisione quando si hanno molti contatti, ti impegnerebbe quasi a tempo pieno, e non me lo posso permettere, ma è comunque anche una questione mia caratteriale non arrivare al punto limite che un piacere o un interesse debbano diventare degli impegni gravosi.
A spot rapidi e poi almeno una volta al giorno leggo parecchi post e tutti i commenti che riesco, e naturalmente anch’io pubblico quando sento qualcosa di particolarmente vibrante o incisivo e poter ringraziare con la mia goccia nell’oceano d’Amore.

13

In realtà l’emozione che vorrei condividere è più sottile… è la sensazione di familiarità senza giudizio alcuno, ma invece tanto incoraggiamento, che entrare in questo gruppo manifesta immancabilmente in moltissimi nuovi iscritti. Mi sbilancio a pensare che sia l’ambiente, nel momento in cui si ha voglia di Amore, comprensione e sprone, che chiunque desidererebbe conoscere e poter frequentare abitualmente o saltuariamente. Perché il nuovo Gruppo  “Legge d’Attrazione e Ho’Oponopono” è un’oasi, un giardino sempre più fiorito, colorato e profumato.

14
Qui in questo luogo virtuale, allegro e tiepido come un nido, l’Amore è reale, palpabile, costante ed è espresso generosamente dagli amici iscritti, e conmoltiplicato amorevolmente in tutte le sue sfumature.
Dal buongiorno quotidiano, alla condivisione con richiesta di pulizia Ho’oponopono, alla partecipazione di gioiosi progetti raggiunti o semplicemente per comunicare il proprio stato d’animo colmo di fiduciosa bellezza… e ogni sera alle 20 l’appuntamento con chi vuole partecipare o sperimentare la recita di gruppo del mantra Ho’oponopono, un amorevole momento per concludere bene la giornata che ora è condotto con grande entusiasmo e Amore da Giuliana.

15

Ecco, per dire che tutti i post di questo gruppo ti fanno stare bene! Bene come mi immagino si potesse stare negli anni ’50, nella fresca rilassatezza di una tavolata estiva in cortile.

Aldilà delle poche regole visibili sulla destra della home del Gruppo, stabilite per una convivenza armoniosa tra gli iscritti, ognuno gira come gli è più consono, idealmente anche in pigiama. Perché tra queste pareti ci si ritrova nella costante vibrazione della consapevolezza del momento epocale in cui siamo entrati, che ci offre e vuole piena fiducia, magia, amorevolezza e gratitudine per farci accedere a un’immediata manifestazione di grande Bellezza.

16
E come in tutti i gruppi, e qui sempre più collettivamente, mentre si interagisce si con moltiplica un’energia sempre più solida di fiducia, di pace interiore e di amorevole gratitudine. Senza mai perdere di vista il reale, anzi co-creando in direzione della flessibile collaborazione, a favore di quel Nuovo Mondo prospero e felice che i cuori di tutti gli esseri esistenti desiderano per sé e per la propria discendenza.

Della Legge di attrazione, nome importante anche in ambito più commerciale, riteniamo di aver estratto il meglio, grazie! Abbiamo compreso che siamo onde di risonanza e conseguentemente abbiamo portato la nostra attenzione a ciò che è fondamentale per ciascuno: la libertà individuale, l’espressione dei propri talenti, il desiderio vitale di abitare in terre più naturali e pulite di Corpo, Mente e Spirito.

Su queste pagine web il mantra Ho’oponopono “ti Amo, mi dispiace, perdonami, Grazie” è scritto e recitato migliaia di volte al giorno, e ogni volta è una grande pulizia per chiunque lo legga o si sintonizzi sull’abituale vibrazione di questo luogo.
E’ decisamente un onore far parte di questo gruppo, e a volte scorrendo la pagina resto estasiata da tanta saggia Bellezza che costantemente ogni iscritto condivide, come gli amministratori che lo fanno in grande quantità, postando sorrisi, incoraggiamento e caldo sostegno, attraverso dei veri e propri concentrati di supporto amorevole ed emotivo, a costante disposizione per un’ulteriore benefica riflessione e immediato beneficio di tutti.

“Legge d’Attrazione e Ho’Oponopono” è’ un gruppo chiuso, quindi i contenuti sono riservati e non sono visibili se non si è dentro. Per chi volesse entrare nel nostro paradiso questo è l’indirizzo web:
https://www.facebook.com/groups/leggedattrazioneehooponopono/

ma ci tengo a ribadire che questo post di ringraziamento mi lavora dentro da tempo, perché da molto volevo far sapere a Christophe e a tutti gli attuali (grazie grazie grazie!) amministratori quanto stimi e trovi eccellente tutto l’impegno con il quale quotidianamente arricchite me, il gruppo e l’intero Cosmo di amore, entusiasmo e fiducia.

La Benedizione nello Spirito di Aloha sia sempre in, con e per tutti noi.

 

11105149_430463603797452_4565969818662263190_n

Ti Amo, Mi Dispiace, Perdonami, GRAZIE!

Sì, gli Angeli ci sono

Pina è un’Amica con la A maiuscola. Perchè? Perchè appartiene a quella categoria di anime trasparenti e positive che “ci sono”, a prescindere. Ha una gestione del tempo incredibile, non capisco come faccia a lavorare e fare un oceano di altre cose bellissime. Ha un’anima gentile e ‘sottile’, è allegra, dolce, bella e sa utilizzare una visione a 360°.

E’ di quelle amiche che auguro a chiunque, è di quella ristretta cerchia alle quali mi consento di non rispondere – a meno che non ci sia un’urgenza dichiarata – se sono troppo impegnata, o se c’è un qualsiasi motivo che mi faccia scegliere di stare in silenzio. E non cambia nulla, sappiamo che il nostro rapporto è tale e quale: una certezza, una conoscenza evidentemente nata non in questa vita ma che ci fa ritrovare insieme vita dopo vita.

Questo suo consentirmi di esserci/non esserci genera in me una immensa gratitudine per la libertà che mi si concede, libertà che ritengo il primo ingrediente di una relazione, che è pari all’Amore ma la Libertà è prioritaria e ritengo invincibile la fusione di queste due energie. Naturalmente tutta questa amorevole libertà è reciproca.

Pina ha qualcosa in comune nella mappa del mio vissuto: ha una figlia, brillante quanto lei, che si chiama come me e come la figlia di mia sorella Luisa, e ha un marito che nella primavera del 2014 è volato in Cielo quasi contemporaneamente a Franco, il mio più grande Amico in questa incarnazione.

Ci siamo conosciute per lavoro, era una nostra lettrice e cliente, e pian piano il rapporto tra lei e me si è stretto in un’amicizia leggera, profonda ed elastica come solo le relazioni rispettose e durature possono essere. E quando ci siamo abbracciate il 23 maggio dell’anno scorso a Roma durante un seminario di Ho’oponopono eravamo entrambe felici ed emozionate.
Principalmente stiamo in contatto via facebook ed era da un po’ che non ci incrociavamo, ma da qualche giorno il piacevole pensiero di lei veniva a trovare il mio cuore, sapevo che stavamo per rincontrarci.

Non sono stata quindi stupita stamattina nel ricevere la sua email, che mi ha profondamente emozionato e che, come le ho risposto, non riuscivo neppure a leggere al mio compagno perché la commozione mi spezzava la voce nella gioia del grande messaggio celeste del quale ha voluto rendermi partecipe.

GRAZIE Pina, ti AMO!

Pina Di Loreto e Silvia Paola Mussini Roma 2014

Buongiorno Silvia,
alcune righe per dirti che ultimamente ho iniziato, sulla spinta di amici poeti, a scrivere degli haiku.
Mi viene facile scriverli, alcuni sono belli, altri meno. Li puoi trovare nella mia pagina fb e anche in quella del mio amico Claudio Spinosa poeta. Se hai tempo e voglia leggili e dimmi se ti piacciono.

Poi volevo dirti che ieri stavo tornando dal lavoro (un’ora di guida fino a casa) e spesso mentre guido penso a G. In 27 anni e mezzo che siamo stati insieme, ha guidato sempre lui in tutti i nostri piccoli e grandi viaggi, tranne quando stava troppo male, durante e dopo la chemio. Ora che sono sola, immagino che lui sia a fianco a me e spesso ci parlo, altre volte piango, altre ancora urlo.

Ieri pensavo a “Lui Sa nel Grande Disegno”, quando tu sei riuscita a sentire la voce lieve di Luisa. Allora ho chiesto a lui di parlarmi in modo che lo capissi e immediatamente mi si è parato davanti un bilico (autoarticolato) come quello che guidava lui, solo che era tutto bianco! E dietro c’era una scritta in un carattere corsivo carinissimo: “Angelo”. E, avvicinandomi ancora, ho visto un’altra scritta in gergo, non ricordo bene le parole, comunque diceva: “Capo (lui si rivolgeva sempre così a qualcuno che non conosceva per chiamarlo simpaticamente), lasciami spazio” o una cosa simile.

Era proprio lui! Stesse modalità, il mezzo che guidava, il bianco! (volevo sapere come stesse e per me significa “bene, in pace”) e poi come poteva chiamarsi l’autista? Angelo! E parlava in modo simpatico, per niente volgare. Era lui!
Ho iniziato a ridere perché lui mi faceva sempre ridere, anche ieri l’ha fatto, e a piangere perché ero commossa.
Grazie, grazie, grazie!
Grazie di avermi letta, Silvia, e di tutto!
Saluta Sandro!
Pina

P.S. avevo pensato di venire al seminario di domenica sul monte Fumaiolo, però sono comunque 4 ore di guida e sono un po’ stanca, lunedì non posso mancare dal lavoro. Se verrete più vicino, ci sarò.

Copio i suoi haiku dalla sua bacheca di Facebook:

15 giugno 20,59
Pensavo a te
Ho chiesto un messaggio.
Bilico bianco

15 giugno ore 21,08
La scritta dietro
Angelo in corsivo.
Rido e piango

Quiet: il potere degli introversi in un mondo che non sa smettere di parlare – Susan Cain

Per troppi anni ho vissuto la mia introversione come un difetto, un peccato capitale e qualcosa da risolvere e, prima o dopo, magari da sradicare. La mia propensione alla solitudine, al fare le cose da sola, all’esigenza di libertà, all’emotività eccessiva e all’estrema compassione che ogni situazione mi ha sempre suscitato, erano, anche, un qualcosa di tremendamente scomodo.

La pratica di Ho’oponopono è giunta a coronare la mia esistenza di ricerca e mi ha reso chiaro e facile armonizzare e accogliere incondizionatamente me. Mi ha allenato a fluire e non a forzare, oltre che a ripulire le mie memorie che tenderebbero a calarmi in un ruolo di servizio, in un’epoca che, se non sviluppiamo al meglio il rispetto per noi stessi, diviene una scomoda consuetudine per sé e un comodo quanto ‘ovvio’servizio nei confronti di chi tende a imporre la propria personalità.

Siamo tutti in cocreazione di un mondo migliore, più morbido, sincero, essenziale, dove gli scambi siano amorevoli e, quando non disinteressati, siano comunque sempre condotti in completo onore.
Per riappropriarsi completamente della bellezza della propria introversione, ritengo imperdibile questo libro che ne integra e illumina il lato profondo, spesso silenzioso ma sempre intensamente creativo “in un mondo che non sa smettere di parlare” (come dichiara la conclusione del sottotitolo in copertina).

quiet-susan-cain

Susan Cain, ex avvocato di Wall Street, consulente e scrittrice, che si definisce nata introversa all’ennesima potenza, con il suoQuiet: il potere degli introversi racconta, con incredibile leggerezza, della sua ricerca e successiva stesura del testo che ha generato in 7 anni di lavoro; un’indagine vasta e accurata nata per conoscere a fondo il mondo dell’introversione, paragonandolo e finalmente ben distinguendolo da quello dell’estroversione, del quale non è certo una versione inferiore o meno vitale.

La Cain usa un linguaggio intimo, che ci porta a passeggiare complici tra i suoi episodi di vita vissuta da introversa, inframezzati e avvalorati da approfondimenti (partecipazione a seminari, interviste, dati scientifici e un’enorme bibliografia) completi di nomi e dettagli sull’autorevolezza delle sue esperienze sul campo e delle fonti interpellate.

Susan spiega molto bene perché l’introversione, come il suo opposto, è qualcosa di intimamente legato al dna e quindi è una natura da assecondare, sviluppando al massimo tutte le sfumature grandiose che un essere abituato a vivere più in verticale (e potenzialmente facilitato alla connessione con il divino in sè) di altri, per i quali è profondamente complesso non esprimersi in orizzontale (espressione manifesta del sé, della personalità, della persuasione) che potrebbero rischiare di rimanere inconsapevolmente in superficie.

Susan Cain ci accompagna in un viaggio di oltre 400 pagine, informando e consapevolizzando il lettore che si riconosce in questo scritto generato dal cuore, mentre documenta nobilitando a tutto raggio questo stato dell’essere, pregi e presunti difetti inclusi.

E’ naturale che, essendo un testo nato per volgere a proprio vantaggio il capitale emozionale dell’introversione, si focalizzi su questo ma c’è una grande obiettività nel confrontarci con gli estroversi, è quindi per qualsiasi lettore un piacevole e ulteriore spunto di crescita su tutti i fronti, oltre che un’opportunità di godere di relazioni migliori, con noi e con gli altri.

Il mondo è pieno di introversi: li vediamo, anche se non li sentiamo. A volte ci disturbano, con la loro reticenza. Altre volte ci affaticano, perché cedono sempre il passo a noi. Altre volte ancora li apprezziamo, perché sembrano innocui. Sono almeno un terzo delle persone che conosciamo: sono quelli che preferiscono ascoltare, invece che parlare; che preferiscono leggere invece cha fare vita sociale; quelli che creano e inventano, ma che non ostentano la loro opinione.

A molti di loro dobbiamo alcuni dei più grandi progressi dell’umanità: dalla teoria della gravità, all’invenzione del computer, da Harry Potter a Google. Ma come trovano spazio gli introversi in una società che sembra premiare solo le personalità estroverse, competitive ed egocentriche? Raccontando anni di esperienza come consulente e il suo passaggio da una timidezza riluttante a una timidezza orgogliosa, Susan Cain accende un riflettore sugli introversi che sono fra di noi, spiegandone la forza e il ruolo nella nostra società.”

Lo trovi su Amazon:
Quiet. Il potere degli introversi in un mondo che non sa smettere di parlare

Ho’oponopono: pulisco per me o (anche) per gli altri?

“A volte i sensi ingannano, perciò è fondamentale pulire con fiducia e costanza, per portarci non più a guardare ma a vedere tutti e il Tutto con gli occhi del cuore e il cuore dell’anima.”
Ti amo, mi dispiace, perdonami, Grazie.

silvia-paola-mussini

Una riflessione per rispondere a tutti quelli che mi chiedono se in Ho’oponopono dobbiamo solo pre-occuparci di pulire noi stessi o è possibile e/o giusto pulire anche per, sugli e con gli altri. Questa è la mia opinione: appurato che lo spazio tempo è una nostra definizione necessaria per collocarci in una sorta di calendario consequenziale, ci viene decisamente semplice considerare fattibile nell’adesso la pulizia e il rispetto per i parenti e gli antenati come ci insegnano tutti i percorsi spiritual-olistici di ogni epoca (consentendoci di uscire dalla nostra razionalità che guarda e vede solo adesso e su questo piano di esistenza).

Quindi se possiamo pulire, perdonare, amare e benedire a favore degli antenati (che ci potrebbero sembrare in un’altra dimensione della quale possiamo credere, sentire e intuire ma per certo non interagire con prove documentabili se non a noi stessi) personalmente credo sia meraviglioso pulire, mandare luce, amore e benedizioni con l’intento del meglio per gli esseri che partecipano con noi in questa incarnazione terrestre. Nessuno e niente sono mai a caso e allo stesso tempo siamo responsabili al 100%, non solo di noi stessi ma di tutti e del Tutto.

Questa la mia azione:
io pulisco innanzitutto me, quotidianamente e costantemente, come responsabile al 100% di tutto ciò che percepisco nella mia manifestazione di realtà e contemporaneamente attivo l’intento di pulizia nei riguardi di tutti gli esseri esistenti in ogni forma essi siano; pulisco anche i singoli specifici individui che me lo chiedono; pulisco quando mi giungono notizie che tentano di destabilizzare il mio equilibrio e quando ritengo possa essere utile e corretto; pulisco le persone con le quali ho un lavoro energetico in corso.
Pulisco sempre, ovunque e comunque e sempre di più, tutte le percezioni distorte o non armoniose che ho, affidandomi attenta e sveglia, a chi sa cosa è il meglio per tutti e quale è il Grande Disegno nel quale siamo immersi: TI AMO, MI DISPIACE, PERDONAMI, GRAZIE.

Pulisco come del resto facevano i nativi nelle filosofie tradizionali, come faceva la stessa Morrnah Simeona con il suo Ho’oponopono rivisitato e modernizzato, come fa il dottor Ihaleakala Hew Len, non solo ai seminari, dove pulisce e benedice le persone in se stesso prima, durante e dopo il corso, come fanno Serge Kahili King e Maka Ala Yates che organizzano e coordinano preghiere, intenti e meditazioni collettive, come fanno molti degli esponenti e/o praticanti di altre correnti Ho’oponopono.

Loro tutti, sia di presenza che a distanza, puliscono, benedicono, mandano luce, amore, gratitudine e intenti per la migliore soluzione. Lo fanno come stile di vita, come sapienza applicata, come canali attivati, esattamente come sappiamo fare tutti noi quando siamo immersi nella gratitudine, e non solo perché sono (considerati) dei maestri ma perché conoscono l’importanza, la necessità e l’efficacia di purificare l’energia, per loro stessi e per tutti nel Tutto.

Per natura tutti gli esseri, non solo chi è entrato in contatto con Ho’oponopono, si scambiano perennemente energia, questa è una grande epoca perchè ci ha reso definitivamente chiaro che l’energia può essere intenzionalmente purificata per poter generare lo scambio più armonioso per tutti gli esseri coinvolti, e per risonanza per gli esseri tutti.

La filosofia hawaiana da cui nasce Ho’oponopono ha il grande pregio di essere lo stile di vita più facile e immediato per raggiungere la nostra pace, che è sempre il primo intento che dobbiamo coltivare, anche tramite il sostegno dei rituali facilitatori che propone (primo fra tutti il mantra “ti amo, mi dispiace, perdonami, grazie”) che è uno strumento modernissimo e magnifico, esattamente perfetto per questa era attuale.

Inoltre tutte le scuole energetiche che ho frequentato, o di cui mi sono interessata, non hanno mai fatto distinzioni nel dispensare e inviare Amore, gratitudine, compassione, benevolenza, benedizione e perdono, (da soli o in gruppo) attraverso il semplice proposito di farlo, intenzioni che di per sé, quando sono realmente incondizionate, ci proteggono da qualsiasi “colpo di ritorno” (situazione temuta ma ingiustificatamente, come si auto definisce il nome stesso è semplicemente un ritorno dell’energia che emaniamo, quindi il nostro compito è semplicemente quello di pulire, pulire, pulire).

Ricordiamo sempre che quando siamo consapevolmente nell’onda cosmica, i nostri intenti si propagano con autonoma gioia dall’uno individuale a quell’Uno collettivo che tutti noi siamo insieme, ora e in ogni spazio tempo.

ho'oponopono-mala

Il frutto reale di questa pulizia lo si vedrà solo nel tempo, perciò è molto, molto importante restare nei concetti semplici e vibrare nell’Amore e nella gratitudine dell’esistenza. Pulendo l’ispirazione divina si manifesterà sempre più costantemente tramite coincidenze, sincronicità e una chiara visione della direzione migliore per noi stessi e parallelamente per quella dell’intera umanità.

Il tempo della Consapevolezza è la consapevolezza del Tempo.

Aloha - Libro + Carte
Evoca amore e armonia con lo Sciamanesimo Hawaiano – 56 carte e libro di accompagnamento

Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere

€ 14.9

AMORE da conquistare e con cui stare

Regalo Ho’oponopono per te

Inserisci qui sotto i tuoi dati e scarica l'ebook:
Riceverai email di aggiornamento. Potrai cancellarti dalla mailinglist in qualsiasi momento con un solo clic.

La perfetta pulizia di Ho’oponopono

Le Mala create da SaYa

il mio Ho-oponopono

Archivio

Amore da conquistare

Visualizzazione guidata a 432hz

Lui Sa nel Grande Disegno

Meditazione guidata

Coaching con me

Armonizzarsi è connettersi, collegarsi al Tutto.

Bruno Groening

la Natura a casa tua

Cerchio d’Amore

L’amore non è una passione. L’amore non è un’emozione. Non solo. L’amore è una comprensione profonda del fatto che in qualche modo l’altro ti completa. Qualcuno che ti rende un Cerchio perfetto. La presenza dell’altro rinforza la tua presenza. L’amore dà la libertà di essere se stessi, e amare davvero è volere il Bene dell'amato quanto il proprio.

Il mio sito principale

ℒℴ√ℰ ♡

antiparassitari cani e gatti

ℒℴ√ℰ ℳ ﻉ ♡

vendita cosmetici on-line