Prego, ringrazio, amo

Pregare è un termine che per anni mi ha dato un sottofondo d’ansia e un certo senso di costrizione, oltre a quel retrogusto indefinibile di non essere meritevole. Pregare lo associavo alle sante messe, obbligatorie dall’infanzia all’adolescenza, un tipo di impegno al quale mi sottraevo appena potevo, e mi ricorda anche quando volontariamente mi ero unita alla recita settimanale del rosario tra vicini di casa, in quel momento in cui facevo tutto quello che mi pareva utile e possibile per sostenere la salute di mia sorella. Anche se poi ho frequentato comunque la chiesa come luogo di estremo supporto quando non sapevo dove sbattere la testa.

Prego ringrazio amo

In realtà il termine pregare che mi dà ancora un lieve senso di soffocamento è riferito a quello in voga nei miei paraggi quando l’ho conosciuto. Quello che veniva suggerito e vincolato dalla chiesa cattolica, un garbuglio di dogmi in equilibrio tra umiltà, lode, redenzione e sottomissione, considerati pregi santificati e anche incredibilmente ben appaiati agli ori e ai broccati che quegli ambienti, e gli esponenti più altolocati, da molti secoli amano sfoggiare nelle vesti e negli arredi (sacri). E a mio avviso il basso profilo di questo papa, empatico e decisamente più vicino ai problemi della gente dei suoi predecessori, non è ancora sufficiente a trasformare cose decisamente più importanti che andrebbero affrontate e risolte in maniera radicale e urgente. Perchè se non ha potere, e i mezzi economici, la società presieduta dal papa allora chi ce l’ha?

Qualcosa mi stonava già da piccola quando durante la messa tutti battevamo il petto nel mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa, ed esisteva contemporaneamente uno sconfinato terzo mondo di bimbi come me che però moriva di fame e di sete ogni giorno, e incresciosamente accade ancora. E per un po’ riuscivo a pensare di essere stata fortunata a nascere dalla parte giusta del mondo, come diceva il prete al catechismo consigliandomi di fare sempre del bene, mentre cercavo di fare in modo di rimuovere il pensiero dall’a alla z.

Interiormente ho sempre lottato per avere tutta la ‘mia’ libertà, per capire quello che c’era di veramente prezioso e importante dentro me stessa. Come molti ho fatto delle scelte lasciando andare tanto del mio passato e soprattutto tutto quello che mi ha portato a dubitare di quella me stessa che sapeva. Perché in me, nella mia verità e nella mia profondità, già dall’infanzia, captavo cose solenni e importanti che mi facevano sentire diversa da molte delle creature che avevo intorno. Ero un piccolo essere non certo speciale ma che attraverso la sua sensibilità guardava, osservava e voleva essere ‘libero’, senza scritture già consolidate nè pre giudizi, miei o di altri, malgrado il peccato (veniale o mortale) che incombeva in ogni dove.

Da sempre ho vissuto in due dimensioni parallele, per me sia una che l’altra erano esistenti contemporaneamente. L’attenzione l’ho affinata per individuare quegli sconfinati confini e consentirmi di non cadere troppo giù e non volare troppo su, ma riuscire a sintonizzarmi su quella frequenza armonica dove connettermi integralmente, non solo con il pensiero, la filosofia, la speranza o le parole.

Miten e Deva Premal

E finalmente il tempo del pregare è diventato qualcosa di diverso, un luogo di nutrimento benedetto, di pace e di luce. La preghiera ha cominciato a farsi intendere da me per quello che in realtà è, uno spazio tempo di connessione, pulizia, rilascio e co creazione in collegamento diretto con la Fonte. E ho compreso una cosa fondamentale: pregare non è chiedere e implorare ma accogliere e riflettere la luce divina. La svolta definitiva c’è stata praticando Ho’oponopono, attraverso il quale mi si è reso chiaro, finalmente, come vedere, apprezzare e coltivare in me quelle note armoniose fatte di compassione, tenerezza e gratitudine che pur essendo innate, la mia anima mi chiedeva, da sempre, di riuscire a stabilizzarle.

Perchè come dice Angaangaq: “Il più grande viaggio che l’Uomo può compiere è quello di superare la distanza che esiste tra il cervello ed il cuore”, ma anche quando sentiamo di avere un buon collegamento con il cuore, con la responsabilità al 100% di ciò che ci lasciamo accadere, il cervello (ossia l’ego la nostra parte più razionale e anche la più stolta) si lascia in parte condizionare e maneggiare da altri eghi più energici, più determinati e più così suadenti da apparirci più intelligenti di noi e del nostro stesso cuore.

Questi grandi ego possono essere la società nel suo complesso, le pretese da parte della professione e delle persone con le quali lavoriamo, la famiglia quando tende a manipolarci o a farci sentire in colpa. E anche ogni tipo di relazione quando non c’è un intento limpido verso lo stesso tipo di bene e abbondanza per tutti, che può esserci solo tramite una visione amorevole che matura attraverso una direzione del cuore condivisa.

Ma l’universo non sbaglia un colpo perchè qualsiasi viaggio intraprendiamo, e in qualunque modo si trasmuti per permetterci di ricominciare con intenti più consoni e coerenti alla nostra attuale missione terrestre, è sempre tarato su ciò che abbiamo bisogno di imparare, perfezionare e superare, e questo vale per noi tanto quanto per gli esseri coinvolti nel nostro percorso esistenziale.

“Come sempre tutto ha un perché nella sua perfezione!” Manuel Lucchini

Poter pregare insieme è una grande opportunità e non bisogna tralasciare il tempo di trovare il momento di farlo, a volte bastano i pochi minuti per un intento d’amore in connessione, perchè pregare insieme significa anche comunione di vedute nel considerare primario il bene per ogni essere esistente, aldilà della nostra ipotizzata superiorità nell’umano bisogno di innalzamento sugli altri, come la società, e anche le religioni tradizionali ci mostrano con il loro comportamento.
Pregare insieme è avere lo stesso tipo di sensibilità attraverso una rispettosa gentilezza d’animo nei confronti di qualsiasi essere, portando nel reale quello che si dice e quello che si è, più che muoversi in un’etica di facciata, quelle convenzioni sociali di cui siamo inconsciamente impregnati, memorie dell’ego che appena ci accorgessimo di agire tramite loro, sarebbe meglio ripulire quanto prima.

E fondamentale, da soli o in compagnia, pregare non deve essere un impegno, un lavoro o un peso. Quando decidiamo di donarci uno spazio quotidiano dedicato alla preghiera, facciamo in modo che sia un tempo grato e sacro e altrettanto leggero e amorevole come una brezza.

La preghiera più efficace è saper stare nel presente in consapevole attenzione, quel prezioso essere in Amore momento per momento, ed è lì che siamo veramente insieme, con noi stessi e con tutto il creato come unica sostanza di Dio.

Ti amo, mi dispiace, perdonami, grazie

Scarica gratuitamente l'ebook "Come fare Ho'oponopono con la Mala" e l'audio mp3 "108 grani di Ho'oponopono"

Scarica gratuitamente l’ebook “Come fare Ho’oponopono con la Mala”
e l’audio mp3 “108 grani Ho’oponopono”

Per scaricare gratuitamente l’ebook “Come fare Ho’oponopono con la Mala”

+ l’audio mp3 “108 grani Ho’oponopono”

 clicca QUI, in questo modo ti iscriverai anche al mio nuovo sito

inaugurato l’11 gennaio 2015 insieme a Sandro Flora.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Sono Amore adesso?

“E ti dico ancora: qualunque cosa avvenga di te e di me,

comunque si svolga la nostra vita, non accadrà mai che, nel momento

in cui tu mi chiami seriamente e senta d’aver bisogno di me,

mi trovi sordo al tuo appello. Mai.”

Hermann Hesse

cuore

 

L’esistenza di tutti noi è un qualcosa che nasce da un’idea. L’idea che abbiamo di noi, degli altri, delle situazioni. Quest’idea, insieme a ogni pensiero successivo, a ogni emozione e sensazione correlati, oltre a diventare ricordo e memoria, diventa quella struttura che tessiamo, momento per momento, per manifestare la creazione di noi stessi nel nostro unico e irripetibile adesso.

Spesso ci sembra piuttosto complicato guardandolo nell’insieme e diviene invece semplicissimo vederlo nel qui e ora.

La domanda più importante che posso pormi è: sono amore adesso?

Fondamentalmente la faccenda più complessa è la gestione delle aspettative. L’umano, a differenza degli altri regni ritenuti ‘inferiori’ (animale, vegetale e anche il più sottovalutato e ignorato, quello minerale di cui i cristalli sono essenze vive e sapienti) vive ‘con l’elastico’. L’essere umano condivide amore, che ritiene incondizionato, principalmente in una fase di entusiasmo e poi quando le cose cambiano, se non sono andate come avrebbe voluto, sperato e desiderato (aspettative), tende a ritirare indietro, in un certo senso cercando di riappropriarsi di quello che era stato così bello, gioioso e generoso donare.

Perché inconsapevolmente l’idea è donare agli altri per goderne insieme, perchè quando si sta insieme ogni dono che facciamo agli altri lo facciamo anche a noi stessi. E, quando siamo in purezza, godiamo direttamente anche semplicemente della gioia di sapere (anche senza vedere o partecipare) un altro essere inaspettatamente felice magari proprio a causa nostra.

Ma l’essere umano è complicato e impaurito e più che tendere alla gioia suprema (aldilà dello spazio e del tempo) persegue il piacere (che è uno stato temporale spesso condizionato da un obiettivo).

E’ la storia di molti matrimoni per vivere i quali abbiamo dovuto inventare un contratto, che non a caso è utile e spesso necessario per delineare il ‘valore’ di una relazione, proteggersene dalla paura dell’incertezza futura o per obbligarci a ricordare che quello che si è vissuto e costruito insieme è un investimento di tempo, sentimenti ed emozioni che ha riguardato entrambi. Che guaio se qualcuno non avesse inventato i patti legali: finito l’amore non ci sarebbe spesso alcuna giustizia, perché invaghiti dal nuovo si tende a dimenticare e rinnegare il passato e a scordare che il trascorso ha fatto di noi ciò che siamo grazie anche alla relazione in questione, in qualunque modo sia andata.

I contratti servono a noi umani, il regno evoluto, perché a un certo punto quando calano – o cambiano – entusiasmi, passione e interesse subentra la mente, che viaggia carburata dell’ego e dalle aspettative, e l’amore rimane in quel passato remoto dove a parlare erano i cuori, i sogni, i progetti comuni, le gioie ma anche l’impegno dei compiti condivisi, in quel momento che era il presente in un luogo e un’energia che adesso sono così lontani.

Ma cos’è poi l’amore? E’ un sentimento, un’emozione o tante piccole grandi sfumature di un’idea?

Amore oltre a tutto quello che sappiamo pensare in termini di profondità e concetti preconfezionati è anche l’ascolto, la generosità, la disponibilità, il tempo, la dedizione, la cura, il conforto, il servizio, il supporto. L’amore è gioia perchè non ha parentela con l’obbligo e il dovere, l’amore non è come decido io, o l’altro, o gli altri.

Amore è quello che è il bene, il buono, il magnifico e il luminoso in maniera equa per tutti gli esseri coinvolti in una relazione.

“Ti amo!”

“Ti amo anch’io!”

E’ iniziato il miracolo e la meraviglia! E’ bellissimo, possiamo essere pari pur nella nostra imprescindibile diversità. Anzi sono proprio le nostre differenze che ci fanno sperimentare tante emozioni e sensazioni importanti. In quell’adesso possiamo e desideriamo condividere tanto con estrema generosità, mettere tutto nel piatto comune perché siamo uno e perchè ognuno di noi porta le energie di cui entrambi usufruiamo, con le quali cresciamo, espandendole, espandendoci. Grazie!

994192_702598349794373_7501514070353770975_n

Ma talvolta accade che l’esperienza termini magari perché la relazione ha svolto il suo compito nel far evolvere le parti ed è ora di andare oltre. E qualcuno dice:

“Mi dispiace… non ti amo più”

E chi ha dimenticato risponde:

“Allora mi ridai indietro tutto l’amore che ti ho dato, perché quell’amore era mio e voglio rientrarne in possesso!”

Forse non è un discorso che l’umano fa esattamente in questi termini, ma quando ci sono aspettative ed egoismi il succo è proprio questo. Non c’è più il siamo e neppure l’eravamo, non c’è più compassione, comprensione, tenerezza, generosità. Non c’è più amore. E forse non c’è mai stato.

La Natura è sempre un grande riferimento, una pura fonte di ispirazione: i piani ‘inferiori’ certo agiscono per istinto di sopravvivenza e mantenimento della specie, stati che potrebbero assomigliare, nelle debite proporzioni e differenze, a quel livello del cuore che noi esseri evoluti ci sforziamo costantemente di raggiungere, e soprattutto che ci piace tanto decantare, insegnare e farcene maestri virtuali.

Una pianta, un frutto o un fiore non solo si offrono attraverso i loro meravigliosi colori, profumi e sapori, aumentando la nostra gioia e la nostra gratitudine di esistere, ma consentono a ‘chiunque’ di godere di loro, dall’insetto che li impollina all’umano che li utilizza, e sostengono con la loro preziosa esistenza quell’infinito piano indispensabile al nostro nutrimento su tutti i livelli. Noi siamo altro, e a volte non meglio, ma questa generosità originaria, insita, manifesta e osservabile, oltre che utilizzabile, ci può insegnare moltissimo.

11

 

Ogni volta che abbiamo la necessità di vederci come testimoni non coinvolti, ogni volta che abbiamo il bisogno di uscire dal nostro ego, dalla nostra rabbia o dalla nostra afflizione leggere e rileggere La piccola anima e il sole di Neale Donald Walsch (la trovi QUI) è sempre rivelatore per tutti, prima di reagire o giudicare noi o gli altri, invece di indagare la nostra totale responsabilità nel silenzio del nostro cuore. E soprattutto per comprendere il perchè abbiamo creato chi e cosa ci circonda e a cosa tutto questo ci serva per evolvere.

Anche se non ne siamo consapevoli emanando la nostra vibrazione di Amore e luce influenziamo benevolmente persone, situazioni e ambienti. Naturalmente è vero anche il contrario:

“Da Adesso, momento per momento, io scelgo di essere una luce armoniosa per me e per tutto ciò che mi circonda. Grazie!”

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Matthias Brandes l’equilibrio precario nell’arte e nella vita

Cara Silvia

ho ascoltato il tuo testo autobiografico ‘Come Ho-oponopono ha cambiato la mia vita’ e ti ringrazio. Grazie per la tua sincerità. Ne posso trarre esempio e condividerò il tuo sito per farlo ascoltare ad alcuni amici, quelli che sono in cerca di se stessi, a quelle persone che possono cogliere il bene che trasmetti. Le persone lamentose, incapsulate nella loro sofferenza invece non accolgono… nè al momento potrebbero comprendere un messaggio che invita loro ad assumersi la piena responsabilità per l’esistenza che stanno vivendo.

Sono un pittore da alcuni anni purtroppo vedovo dopo 23 anni di matrimonio con il più grande amore della mia vita. Vivo con i miei figli di 14 e 22 anni. Ne ho viste di cotte e di crude nella mia vita e per quanto ci siano stati anche dolorosi e tragici eventi sento di stare bene di salute (da anni non ho neanche un raffreddore!) e di mente. Mi ritengo una persona serena e già prima di conoscere Ho’oponopono mi sono fatto guidare dalla gratitudine e dall’amore.

The Moon Fairy - Matthias Brandes

The Moon Fairy – Matthias Brandes

La meraviglia per il mutamento è la chiave per comprendere la vita. Nei miei quadri anche quando non mi pareva di averne avuto la consapevolezza, cerco praticamente da sempre di esprimere uno stato che chiamerei “l’equilibrio precario.” Anche quando non dipingo persone ma case o pere o navi, dipingo anime “incantate” (e non “nature morte”) in cerca di equilibrio, di appoggio, di relazione con altri, con altro, con il Tutto.

Per la mia crescita devo molto a Filippo Gallerani Falzoni, il fondatore del Rebirthing transpersonale, ho imparato da lui a vivere la mia vita come il lettore di un romanzo, con passione e compassione per il suo protagonista, pagina per pagina… ma anche con distacco.

Ho’oponopono sembra darmi un enorme potenziamento per poter camminare sulla mia strada. Da quando l’ho scoperto sono riuscito a trasmutare il mio ruolo di genitore, che era inconsapevolmente influenzato da quegli atteggiamenti negativi che a loro volta mi avevano fatto soffrire da bambino. Ora vedo i miei figli in un’ottica totalmente differente. Entrambi, proprio per la loro giovane età, si trovano in un momento delicato e cerco, passo dopo passo, di dargli quello che serve per sostenerli nel trovare la loro strada.

Arrivo - Matthias Brandes

Arrivo – Matthias Brandes

Nell’ambito professionale sono successe delle cose inaspettate ma per scaramanzia cerco di non fissarmi troppo su quello che si sta delineando. Il mantra Ho’oponopono mi aiuta a creare un mio equilibrio interiore nell’attesa, senza inettitudine ma anche senza voler forzare troppo gli eventi. Sento che posso avere fiducia nella vita che mi è stata data.

Ho letto decine di testi sul tema ma credo che alle volte non bisogna voler realizzare ad ogni costo quello che attualmente si desidera, e anche il non vivere in una ricerca spasmodica come se avessimo la bacchetta magica. Per tutto c’è un tempo giusto.

Abito in campagna, vicino alla laguna di Venezia. quando cammino fuori osservo l’immenso cielo, guardo come si trasformano costantemente le nuvole e mi meraviglio. Osservo gli alberi come riescono con il tempo a perfezionare la loro forma o quando, per esempio, è stato tagliato un ramo.

Non sono a un livello illuminato di un equilibrio stabile, perenne e beato, sono un apprendista e non un maestro. Vorrei convincere altri con la mia esperienza che la ricerca della perfezione, dell’armonia totale non è un obbiettivo realistico quando si è in cammino. Anzi, potrebbe essere scoraggiante, frustrante. Sono afflitto dai miei dubbi, le mie ansie e paure e talvolta anche da passeggeri stati depressivi. Accetto questi stati d’animo come passaggio necessario. Non fingo, sono sincero con me stesso.

Il cammino… mi immagino di camminare in solitudine nella montagna. Sto salendo un ripido sentiero. È faticoso, ho paura di cadere, sto sudando, sento la stanchezza del corpo. Il traguardo è ancora lontano. Non ho una visione ampia per lungo tempo, vedo solo quello che ho immediatamente davanti, ogni tanto qualche scorcio più in profondità, ma intanto il sentiero sembra di non finire mai… Ma inaspettatamente dietro la prossima curva si apre la vista e vedo tutto il panorama maestoso delle vette o di una ampia vallata. Mi toglie il fiato e il cuore batte. Sono felice di essere arrivato qui anche se il cammino non è finito. La vita la vedo così.

A volte mi chiedo: domani cosa sarà? Non importa io adesso mi sento aperto e fiducioso! Sto tornando da un intenso viaggio in Germania. Ho rivisto la mia mamma, 91enne, e mia sorella, ed è stato veramente emozionante. E là ho concluso un contratto importante con una galleria orientale e ho potuto rincontrare con gioia cari amici e altri parenti.
E poi ore ed ore di viaggio in solitudine. A casa i miei figli si sono impegnati a presentarmi al casa pulita e in ordine, che cari, li amo!!!!

Gioco - Matthias Brandes

Gioco – Matthias Brandes

Silvia… vedo con entusiasmo e gioia come mi circonda il Bene… cerco semplicemente di “do my best”, certo c’è tanto da fare, non tutto si realizza subito, ci vuole pazienza e perseveranza, ma mai prima la mia vita era così “limpida”, proprio come un fiume.

È tutto un divenire, e la tua storia ne è esempio. Un grande mosaico di cui stiamo raccogliendo i tasselli.. Mi mancano ancora molti pezzi ma il quadro si sta delineando.

Grazie Silvia ti abbraccio e sono felice di essere in sintonia con te!

Matthias

Matthias-Brandes

Il sito di Matthias Brandes QUI

La sua pagina facebook la trovi QUI

Scegli l’Amore, sempre e comunque

Amore incondizionato vuol dire esistere in Amore.
Quando faccio del bene a me lo faccio agli altri.
E quando faccio del bene agli altri lo faccio a me.
Con la consapevolezza che siamo tutti Uno.
Ti Amo Mi Dispiace Perdonami Grazie.
Sandro Flora
scegli amore

Omo Amore: Amare oltre la norma della forma

Manuel Lucchini mi ha chiesto l’amicizia su facebook nel dicembre 2012 e ci siamo sentiti via messaggio privato tantissime volte, più di 650 messaggi!, nei quali mi ha reso partecipe della sua crescita chiedendomi costantemente, con deliziosa faccia tosta, supporto, sostegno e chiarimenti riguardo l’applicazione di Ho-oponopono nei suoi piccoli grandi dolori della sua giovane esistenza. E poi ci siamo finalmente abbracciati quest’anno, poichè ha partecipato al seminario Josaya “Ho-oponopono – la Pace comincia da te”, che abbiamo tenuto a Roma il 24 maggio 2014.

Manuel è un ragazzo diverso, al quale voglio molto bene. Diverso perchè è speciale. Perchè è sensibile, sveglio, esuberante, molto affettuoso, coraggioso, intraprendente e anche molto intelligente.

Della sua omosessualità (argomento che mi sta a cuore tanto che avevo già dedicato un capitolo titolato ‘La gaya coppia’ in ‘Amore da conquistare e con cui stare’) me ne scrisse quando ancora era nel pieno del suo travaglio interiore, nell’urgenza di riuscire a esprimersi senza timori e vergogna, in un mondo che ancora teme, giudica e talvolta castiga, chi di se stesso sente e agisce, con ciò che chiede il proprio cuore, in allineamento con il proprio  corpo.

Quel tagliente o ridicolizzante giudizio che ancora a troppi viene spontaneo soprattutto se l’agire altrui non si conforma a quelle regole sociali considerate “normali” dalla massa. Ma l’Amore è Amore, e ogni essere un universo amorevole e già perfettamente perfetto.

Silvia Paola Mussini

Se tante persone seguono qualcosa,

è una prova sufficiente che è una cosa sbagliata.

La verità accade agli individui, non alle masse.

Osho

bacio

Manuel: “L’Arcobaleno è stato scelto come simbolo della vita omossessuale e anche come simbolo della pace. Perchè l’Arcobaleno?

Forse perchè in natura è uno dei fenomeni che si avvicinano di più ad essere qualcosa di tanto strano ma nel contempo di tanto magico. E’ un modo diverso che usano i colori della terra per esprimersi, e questo loro esprimersi trasforma le nostre facce, regalandoci uno stupore di un bel paio di minuti.

Forse è per questo che è stato scelto questo simbolo… perchè Omo-Amore parla dell’Amore visto con gli occhi dello stupore, come quello causato da un Arcobaleno nel cielo!

Una delle più grandi sfide che mi sono dovuto trovare davanti nella mia vita, è stato affrontare la rivelazione della mia omosessualità al mondo. Sono cresciuto con un padre tendenzialmente omofobo, in un paesino calabrese dove la mentalità beh… non era di ampie vedute.

Eppure è stato ciò che per me era necessario. Adesso, con il senno di poi, mi rendo conto di come doveva essere il mio percorso ovvero quello affrontato, perchè se io non avessi scelto quella strada, quella sfida, quella chiarezza oggi probabilmente non potrei parlare così liberamente e con leggerezza di questo argomento che mi sta molto a cuore.

A quasi 20 anni mi rendo conto di come questo tema, sia ancora un tabù, ma è arrivato il momento di rompere quelle che ci hanno date come sotto intese regole e parlare, perchè solo attraverso la conoscenza e la normalizzazione possiamo illuminare il buio della nostra paura!

In principio credo che esista l’Amore. Dal mio punto di vista l’Amore non ha forma, nè sesso, nè religione, nè giudizio, nè preferenze, nè colore.

L’Amore è, semplicemente perchè è. Purtroppo le parole possono spiegare poco perchè appunto, l’Amore va oltre, quello che il nostro amato Ego può esprimere.

La potenza dell’Amore possiamo valutarla in molte situazioni della vita ma credo che la sua straordinaria forza possiamo percepirla, quando riesce a scindere i dettagli della forma estetica e apparente, ed a unire due cuori, con un involucro della stessa forma.

Omo Amore è di questo che tratta, dell’Amore tra persone dello stesso sesso.

Voglio essere un esempio, per tutti quelli che ahimè vivono la loro sessualità in modalità repressa!

Perchè nasce la repressione? Questa è una domanda che mi è stata rivolta spesso.

Beh la repressione nasce perchè la nostra condizione di paura e necessità delle regole ci ha portato a dividere e a catalogare ogni cosa.

Quindi sono nate le dottrine, e le condizioni sociali, e le forme sessuali. Perciò oggi la gente è divisa in: “Eterosessuale, bisessuale, transessuale, omosessuale”.

Ma alla domanda perchè nasce la repressione, la risposta la si ritrova proprio qui! La repressione nasce perchè l’appartenere ad una categoria diversa dall’eterosessuale (definito normale) crea ahimè ennesima divisione, colpa, o peggio fobia!

Allora il mio vuole essere un messaggio forte e chiaro, rivolto a chi sta cercando il coraggio di uscire allo scoperto, o semplicemente il coraggio di accettarsi. Non siamo diversi, Non esiste la diversità. Siamo e restiamo Amore, da sempre e per sempre!

Manuel Lucchini Silvia Paola Mussini

Essere omosessuale è una condizione naturale di vita, che ci permette di sperimentare semplicemente un altro modo di Amare! Pensate che l’Energia e l’intesa che scorre tra due persone dello stesso sesso sia davvero tanto differente? Cosa c’è di diverso? Forse il coraggio. Il coraggio di uscire e riuscire a dire io Amo la mia stessa forma.

Lavoro con le persone dall’età di 16 anni. Ho sentito una marea di storie a livello sentimentale, la maggior parte con un fondo di repressione, non solo a livello sessuale, anche perchè la mia passione è sempre stata fare le carte, un contesto dove ci si apre con fiducia.

Il problema nasce dal timore del giudizio, dal timore di essere considerati “diversi”, sì va bene. Ma diversi ma da chi?

Anch’io ho vissuto una storia di 7 anni con un ragazzo con una base di repressione. Questa storia mi ha formato e mi ha insegnato, quanto sia importante divulgare un messaggio di uguaglianza al mondo.

E questo messaggio lo rivolgo a tutti, in particolar modo alle famiglie e a tutti i ragazzi adolescenti in fase di ri scoperta della propria identità!

Siate voi stessi, esprimete voi stessi in qualsiasi forma, abbiate il coraggio di essere da esempio per tutti quelli che ancora non sono pronti, o credono di non esserlo. Lo faccio perchè so, con dolore e caos interiore, quanto timore può celarsi dietro la vita omosessuale segreta.

Ogni cosa che si vive e si assapora deve essere affrontata con profondo spirito di osservazione e attenzione per evitare di uscire allo scoperto, so con dolore cosa significa. E so che ci si può ritrovare, come è accaduto a me, di vivere in famiglie che non vogliono nemmeno sentire la premessa all’argomento.

L’unica strada e la miglior opportunità che abbiamo è avere o ritovare il coraggio di vivere la nostra reale Identità. Tutti hanno e abbiamo bisogno di tutto l’amore e l’incoraggiamento necessario, perchè il mondo è pronto se noi lo siamo!

Evviva l’Amore, indipendetemente dalla sua forma.

Ricevete tutto il mio Amore!”

Manuel Akele Andrea Lucchini (Akuos)

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

AMORE da conquistare e con cui stare

Regalo per Te

New Graphic

inserisci qui sotto
i tuoi dati e scarica i regali

Il libro o l’ebook

Lui Sa nel Grande Disegno

il mio Ho-oponopono

Gioielli per lo Spirito

Visualizzazione guidata a 432hz

Coaching con me

Armonizzarsi è connettersi, collegarsi al Tutto.

Quiet: il potere degli introversi

Archivio

la Natura a casa tua

Cerchio d’Amore

L’amore non è una passione. L’amore non è un’emozione. Non solo. L’amore è una comprensione profonda del fatto che in qualche modo l’altro ti completa. Qualcuno che ti rende un Cerchio perfetto. La presenza dell’altro rinforza la tua presenza. L’amore dà la libertà di essere se stessi, e amare davvero è volere il Bene dell'amato quanto il proprio.

Il mio sito principale

ℒℴ√ℰ ♡

antiparassitari cani e gatti

ℒℴ√ℰ ℳ ﻉ ♡

vendita cosmetici on-line